TUTTI IN REPARTO – Il troppo stroppia

Focus On Juventus Napoli Tutti in reparto
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Durante Napoli – Juventus di sabato scorso se ne sono viste delle belle.

No, non ci riferiamo alla partita in sè, ma a ciò che è accaduto nelle rispettive infermerie.

Si è partiti subito con il botto.

David Ospina, portiere designato titolare da Gennaro Gattuso, ha accusato un risentimento muscolare durante il riscaldamento prepartita e non è quindi riuscito a partecipare all’incontro.

Poi, al termine del primo tempo, Juan Cuadrado ha segnalato allo staff medico bianconero di avvertire un dolore alla parte posteriore della coscia destra.

Non c’è stata altra strada per lui se non quella di terminare lì la sua prestazione.

Infine (!), quando si era ormai nei minuti di recupero, anche Hirving Lozano ha accusato lo stesso fastidio, localizzato nella parte posteriore della coscia destra.

Per lui però niente sostituzione: il messicano, pur notevolmente zoppicante, ha terminato l’incontro.

Facciamo ordine: già in un nostro precedente articolo avevamo segnalato che, mai come quest’anno, gli infortuni muscolari continuino a susseguirsi senza soluzione di continuità.

Crediamo che, alla base di ciò, ci siano i tanti (troppi?) impegni ravvicinati ai quali i giocatori sono sottoposti (molto spesso anche senza opportune rotazioni, a causa delle varie positività), ed una preparazione estiva che, causa lo slittamento in avanti dello scorso campionato, potrebbe essere stata insoddisfacente.

Difficile dirlo adesso: ciò sarà materia di studio a posteriori, quando sarà possibile raccogliere, studiare ed interpretare tutti i dati che avremo a disposizione.

Torniamo quindi alla partita di sabato e cerchiamo, diagnosi alla mano, di inquadrare la gravità dei suddetti infortuni ed ipotizzare dei tempi di recupero.

Per David Ospina e Juan Cuadrado nulla di preoccupante.

Il portiere napoletano ha subìto una distrazione di primo grado all’adduttore della coscia destra, mentre il tornante juventino ha riportato una lesione, anch’essa di primo grado, ma al flessore della coscia destra.

Insulti muscolari di questo tipo non destano particolari preoccupazioni e, con buona approssimazione, entrambi i giocatori colombiani dovrebbero tornare a disposizione verso l’inizio di marzo.

Lievemente diversa la questione legata ad Hirving Lozano.

Il messicano, pur avendo avvertito sofferenza allo stesso gruppo muscolare di Juan Cuadrado, ha purtroppo ricevuto una diagnosi più impegnativa.

Per lui, infatti, la distrazione muscolare all’adduttore della coscia destra è di secondo grado, e ciò comporta tempi di recupero più lunghi.

Pur avendo già mostrato in passato una ottima predisposizione al recupero, crediamo non sia prudente ritenerlo completamente abile ed arruolabile prima di metà marzo.