ANGOLO SPEZIA – Chi osa vince

Angolo del tifoso Focus On Spezia
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Prima storica vittoria in casa per lo Spezia in serie A.

Prima vittoria al Picco e altri tre punti, dopo quelli conquistati a Napoli, che portano la squadra spezzina in una posizione di classifica decisamente più tranquilla.

Nel derby ligure con i blucerchiati, lo Spezia sfodera una prestazione eccezionale che fa letteralmente spellare le mani ai propri tifosi.

Coraggio, grinta, cuore: sono queste le componenti che hanno caratterizzato la prestazione dei giocatori aquilotti.

Sin da subito lo Spezia spinge sull’acceleratore e pressa altissimo i giocatori doriani.

I primi venti minuti vengono giocati quasi tutti nella metà campo blucerchiata, con lo Spezia pericoloso in più di un’occasione. Nella prima Nzola, dopo aver vinto un contrasto con Ekdal al limite dell’area, calcia in porta ma il suo tiro viene deviato in corner da Yoshida. Nella seconda Vignali fa partire un cross dalla fascia destra che viene raccolto prontamente da Nzola il cui tiro viene parato da Audero.

Ancora Estevez trova il tempo e la coordinazione per calciare al volo, ma la palla finisce a lato di pochissimo.

Si arriva così all’azione del goal.

Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Agoume pesca con un lancio preciso Chabot, che rimette di testa​ al centro per Terzi che incorna in rete. È il goal del meritato vantaggio aquilotto.

Lo Spezia non si ferma e, preso dall’entusiasmo, insiste ancora in avanti, portando tutti i suoi giocatori nella metà campo avversaria. Tuttavia Farias si fa ribattere una palla nell’area avversaria che si rivela sanguinosa e la Sampdoria innesca così una ripartenza velocissima che porta al goal segnato da Candreva.

Incredibilmente la squadra di Ranieri trova la rete del pareggio su contropiede, passando da un’area all’altra in pochi secondi.

La partita, nonostante sia la terza in una settimana, non conosce sosta. Ancora lo Spezia pericoloso con Pobega di testa, ma la palla finisce fuori di pochissimo. La Samp prova a reagire con Keita che cerca di attaccare sul lato di Chabot che appare più lento rispetto a Terzi.

Il secondo tempo si apre con gli aquilotti ancora in avanti.

Dopo una veloce azione che si sviluppa sul lato destro, Vignali crossa al centro per Pobega che viene atterrato in area. Nzola dal dischetto segna con un tiro angolatissimo alla sinistra di Audero e per il giocatore francese di origini angolane è il nono goal in campionato.

Nel valzer dei cambi entrano Agudelo e Maggiore che danno nuovo ardore alla linea di centrocampo, mentre nella girandola delle emozioni finali, Piccoli per poco non trova la rete del possibile – e più tranquillizzante – tre a uno.

Agoume e Maggiore salgono sugli scudi raddoppiando su tutti e rubando palle preziose che spezzano il tentativo di forcing finale da parte dei blucerchiati.

I sei minuti di recupero sono giocati col cuore (in gola per i tifosi) e con un po’ di apprensione da parte di Italiano che vorrebbe quasi entrare in campo per dare una mano ai suoi ragazzi.

La Samp cerca disperatamente di buttare la palla “in the box”, sperando in una spizzata o un rimpallo favorevole, ma non c’è niente da fare.

Lo Spezia esce vittorioso dal Picco, dimostrando, ancora una volta che, chi osa il più delle volte vince.