Calcio generica

Sensini: “Assumevo creatina, ce la davano perché dicevano..”

Htest News Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Le parole di Dino Baggio, in seguito alla morte di Gianluca Vialli, hanno creato reazioni in molti ex calciatori della nostra Serie A. L’ex centrocampista ha usato termini non indifferenti, seguito dall’ex attaccante Raducioiu (che ha, poi, ritrattato) e ora da Nestor Sensini. Di seguito le parole dell’ex calciatore, in Italia, di Udinese, Parma e Lazio:

“Io mi sento tranquillo, non sono angosciato. Dino è un ragazzo molto sensibile, le morti di Mihajlovic e Vialli in poco tempo lo hanno sicuramente scosso. Quando succedono queste cose ci si ferma a riflettere, ma io posso dire serenamente che non ho paura di morire”.

Sulle sostanze dell’epoca: “All’epoca andava di moda la creatina, ce la davano perché dicevano serviva per recuperare più in fretta e gonfiava i muscoli. In quei momenti c’erano medici specializzati, io credo che nessuno ci avrebbe dato cose che avrebbero potuto mettere in pericolo le nostre vite. Funzionava? Forse sull’immediato, ma alla lunga non credo proprio. La prendevamo un paio di volte dopo gli allenamenti, non mi ricordo quanti milligrammi; devo dire che però io non ho mai visto differenze”.

Sulla morte di tanti ex calciatori: “È chiaro che sono cose che ci toccano da vicino, ma bisogna chiedere agli esperti. Servirebbe uno studio per capire qual è la percentuale di ex giocatori ed ex atleti morti tra quelli che assumevano le stesse sostanze. Che io sappia nessuna delle persone con le quali ho giocato ha assunto cose che non si potevano prendere. Chi avrebbe rischiato di farsi beccare positivo ed essere squalificato?”.

(Foto: Depositphotos)

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitchTwitch

Print Friendly, PDF & Email