Tommasi: “Stipendi e allenamenti? Al momento non siamo allineati con il resto del paese”

Condividi

Damiano Tommasi, presidente dell’AIC, ha parlato a Radio Anch’Io Sport su Radio Rai a proposito dell’emergenza coronavirus e della ripresa della Serie A. Tra i temi affrontati anche il calendario e il taglio degli stipendi. Ecco alcune sue dichiarazioni

ALLENAMENTI E STIPENDI

Le squadre rinviano la ripresa o pensano di farlo? Penso che stiano pensando di allinearsi alle decisioni dell’intero Paese. Ora altro non so”, ha detto Tommasi. E sulla pista per tagliare gli stipendi: “Si sta parlando della mensilità di marzo, si parla di una ripresa ancora non fissata perché non la si può definire ancora. Ma credo che gli stipendi siano l’ultimo dei nostri pensieri. Al momento non sono molto ottimista che ci si allinei al Paese”.

CALENDARIO

Giocare a Ferragosto? Sarebbe una cosa positiva. Tutti noi vorremmo tornare a giocare perché vorrebbe dire che la situazione è migliorata. Poi ci sono i dettagli tecnici. Questione dei contratti e scadenze. Questo andrebbe ad incidere sulla stagione successiva. Se si giocasse molto avanti bisogna programmare molte cose”. “Ad oggi non ci si può muovere dal proprio comune, quindi è difficile fare previsioni ora. Mi auguro che si possa arrivare a tornare ad allenarsi. Almeno quello perché vorrebbe dire che l’Italia ha risolto o sta risolvendo questo momento”.