Ilenia Nicoli (Parma): “Primavera 1 avventura affascinante, ci faremo valere” (ESCLUSIVA)

DONNE & PALLONE Esclusive Focus On Rilievo
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Ilenia Nicoli, dopo aver vinto il campionato d’Eccellenza emiliano-romagnolo con il Parma, si appresta a guidare le Under 19 gialloblù che esordiscono nel campionato nazionale Primavera 1. L’ex tecnico del Cittadella e del Sassuolo Under 19 non nasconde il suo entusiasmo, consapevole che l’impegno, la determinazione e le qualità tecniche delle Crociate sono un buon viatico per il cammino che le gialloblù stanno per intraprendere.

Mister, comincia una nuova avventura, sempre con i colori gialloblù, ma con la squadra punta di diamante del settore giovanile, l’Under 19. Soddisfatta di far parte anche per questa stagione del Parma Calcio?

“Quando mi è stata fatta la proposta dalla Società non ho esitato ad accettare. Parma è un club molto importante a livello nazionale e il nostro Presidente Krause ha grandi progetti per la crescita del calcio femminile in questa città. L’ambizione e la voglia di crescere del Parma calcio mi hanno spinta ad accettare questa panchina con grande entusiasmo e voglia di ripartire con un nuovo progetto”.

Un passo all’indietro sul campionato vinto con una formazione giovanissima che è riuscita a conquistare, sotto la sua guida, la serie C, poi le cose sono andate come sono andate con l’approdo nella massima serie.

“La stagione scorsa ha regalato grandi soddisfazioni a noi dello staff, alle giocatrici e alla società che mi aveva chiesto come obbiettivo di vincere il campionato per poter accedere alla promozione in serie C. Obbiettivo centrato. Il grande merito è certamente delle ragazze. Devo molto a questa squadra che terrò vicino nei ricordi e nel mio cammino futuro”.

Lei ha già avuto un’esperienza importante alla guida della formazione Primavera nel Sassuolo, quindi è un campionato che conosce bene.

“Conosco il campionato Primavera avendolo fatto per tre anni, ma credo che questo nuovo format che ci vede inserite nel Primavera 1, abbia alzato la qualità di tutte le squadre creando un campionato di grande livello”.

Per le ragazze l’Under 19 è un campionato particolare, diciamo che è un po’ come l’esame di maturità, anche perché è l’ultimo anno del settore giovanile che precede il difficile approdo in prima squadra o la fuoriuscita per andare a giocare in prestito altrove. Difficoltà di non poco conto che il timoniere, con il suo staff, si trova a gestire.

“Entusiasmante non trova? Sperare di poter aiutare le ragazze a fare il salto in prima squadra in realtà è molto stimolante, così come pensare che possano ricevere chiamate per le nazionali minori. Credo sia fondamentale per questa età avere uno staff che infonda coraggio e alzi la loro autostima cercando in ognuna di loro di esaltare al massimo le loro potenzialità. Questo è ciò che cerchiamo di fare in tutti gli allenamenti e in tutte le partite”.

Nella Primavera 1 giocano tutte le formazioni di serie A con squadre assai blasonate. Da esordienti cosa vi aspettate? Che obiettivi calcistici vi ponete?

“La squadra è completamente nuova, le ragazze vengono da realtà diverse e quando è così serve tempo e pazienza, soprattutto a questa età. Il nostro obbiettivo è centrare quanto prima la permanenza in Primavera 1 e tutto ciò che verrà in più sarà ben voluto e certamente sudato. Quest’ anno tutte le squadre si sono rinforzate, ogni partita sarà difficile, da giocare come una finale. Ci sarà un grande spreco di energie non solo fisiche ma anche mentali perché portare a casa tre punti sarà fondamentale”.

Immagino che la squadra che avete allestito la soddisfi. Ci può dare una panoramica dei vostri punti di forza? Ci sono ragazze che in prospettiva hanno già da ora il potenziale per approdare in prima squadra?

“Sono molto soddisfatta dell’organico e non vedo l’ora di iniziare questo campionato per vederle all’opera.  Queste ragazze hanno una caratteristica innata abbastanza evidente che è l’aggressività, componente nel gioco del calcio che nelle mie squadre non può mancare. Credo sarà questo il nostro vero punto di forza. La squadra è tanto giovane ma dotata di grande qualità tecnica, questo mi fa pensare che possa portare in campo un calcio di fantasia e allegria alla ricerca di qualcosa di nuovo. Ci sono già tre ragazze che si allenano con la prima squadra e sono Puntoni, Remondini e Verrino ma credo che potenzialmente possano esserci altre ragazze con profili molto interessanti e di prospettiva”.

Con l’abbonamento unico maschile-femminile (valevole per la prima squadra femminile perché per l’Under 19 l’accesso è libero) potrebbero venirvi a vedere tifosi che non hanno mai avuto occasione di vedere e apprezzare il calcio in rosa. Questa decisione da parte del Parma Calcio è un unicum nel panorama del calcio femminile italiano.

“L’abbonamento unico per maschile e femminile ci fa capire quanto Parma sia alla ricerca di strategie per portare i tifosi del Parma di mister Pecchia anche a vedere le partite del femminile di mister Ulderici. Sono certa che il pubblico si avvicinerà, incuriosito da una realtà che inizia ad essere molto forte anche sul nostro territorio nazionale”.

In bocca al lupo per il vostro esordio, nella prima di campionato, in casa contro la Juventus Women.

“Ci stiamo preparando per iniziare nel modo migliore il nostro. Gli avversari saranno tutti forti. Partire con la Juve sarà un bel banco di prova. Lunga vita al lupo e forza Parma sempre!”.

Print Friendly, PDF & Email