OLTRE IL CALCIO – Storie di rivalità (non solo) calcistiche: Barcellona-Real Madrid

Focus On Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 4 minuti

Mes que futbol. E non potrebbe essere altrimenti. Barcellona contro Real Madrid, nell’immaginario comune, è più di una semplice partita: è lo scontro tra titani del calcio spagnolo e mondiale; una lotta che affonda le radici nella storia del calcio; una partita che vede sfidarsi due anime figlie della stessa terra, ma mai così tanto diverse; è Catalogna contro Castiglia: è El Clasico!

La gara era in programma lo scorso 26 ottobre, ma è stata rinviata a causa dei disordini a Barcellona. La recupereranno oggi, 18 dicembre, sempre al Camp Nou.

MADRID, I BLANCOS

Più giovane il Madrid Club de Futbol, nato nella capitale spagnola nel 1902. Si, in origine era soltanto “Madrid”: l’appellativo “Real” venne aggiunto qualche anno più tardi, più precisamente nel 1920 quando il Re di Spagna Alfonso XIII le conferì tale riconoscimento. Da quell’anno, comparve anche la corona nello stemma. Due sono le motivazioni: la prima, prettamente calcistica, in quanto il Madrid, nei primi anni di vita, era solito vincere molte coppe nazionali. Ma ve ne è un’altra di motivazione: si vocifera che il Re simpatizzasse per la squadra tanto da associarne, per sempre, il simbolo del suo potere. Nel mondo sono anche conosciuti come i “Blancos”, per il colore delle casacche che utilizzano nelle gare.

BARCELLONA, GLI AZULGRANA

Più anziano, invece, il Barcellona. Nasce nel 1899 da una unione di calciatori svizzeri e britannici, guidati da Hans Gamper. Spagnola di nascita, ma svizzera di filosofia. Anche la casacca del club non rispecchia colori iberici: leggenda vuole che Gamper, primo presidente del club, volesse emulare i colori sociali del Basilea: rosso e blu. Ma come spesso è accaduto, il fato ci ha messo lo zampino: a causa di eccessivi lavaggi, il rosso divenne granata. Da qui in poi, i calciatori del Barcellona sono conosciuti come gli “Azulgrana” (alla catalana, blaugrana in castigliano). Il Barcellona è mes que un club: da sempre a favore dell’indipendenza della Catalogna, il Barca rispecchia l’anima catalana. E’ più di un club, è una nazionale. Il Barcellona è quasi una religione.

EL CLASICO, L’INIZIO DELLA RIVALITA’

Questa rivalità nasce sul campo. E’ il 13 giugno del 1943. A Chamartin la gara tra Real Madrid e Barcellona finisci 11 a 1. L’andata, giocata a Les Corts in casa del Barça era finita 3 a 0 per i catalani. Tante leggende circa questa partita, ma tutte con lo stesso finale: il Regime di Franco avrebbe condizionato in maniera significativa l’incontro, intimidendo non solo i giocatori, ma anche tifosi e dirigenza. Francisco Franco non era tifoso dei Blancos come molti dicono, ma tifava l’Atleti, l’altra squadra di Madrid. A Barcellona, però, è stato un affronto: favorire una squadra castigliana e penalizzare quella catalana. Come se non bastasse, anche Alfredo Di Stefano ha contribuito a rafforzare la rivalità: la Saeta Rubia era contesa dalle due squadre: il Barca aveva l’accordo con il River Plate, il Real con i Millionairos. Alla fine l’argentino passò ai blancos ed il resto è storia…

CASTIGLIA CONTRO CATALOGNA

Barcellona e Madrid non sono lontane soltanto fisicamente, ma anche idealmente. Il Real Madrid nasce nella capitale in Castiglia. Centrale e da sempre vicina al potere: il conferimento del Re ha legato indissolubilmente squadra e potere centrale. Il Barcellona, invece, nasce in Catalogna. Come detto, è mes que un club, la voce della fazione indipendentista.

CATALONIA IS NOT SPAIN, CAMP NOU

Spesso, infatti, si scorge qualche bandiera giallorossa al Camp Nou. E come testimaniano le immagine, anche nei Clasicos l’animo indipendentista prevale. Quando le due squadre si sfidano, infatti, è il momento migliore per i catalani per ‘esternare’ la propria sofferenza ed intonare inni nella loro lingua. Perchè questa gara, come ogni Barcellona-Real Madrid, è El Classic in catalano.

REAL MADRID – BARCA IN CAMPO

In tanti anni ci sono stati tanti avvenimenti celebri. Anche un anno si è contraddistinto: nel 2011, infatti, blancos ed azulgrana si sono sfidati ben 7 volte: il Barcellona ha vinto 4 volte, due i pareggi e una vittoria per il Real Madrid. La prima gara ufficiale, invece, è stata il 17-02-1929 ed è stata vinta dai blancos per due reti a uno. Ma ogni Clasico che si rispetti ha una storia: dalla manita del Barcellona al Real di Mourinho al “clasico del cochinillo“:

BARCELLONA REAL MADRID 2002/2003

In una sfida del 2002/2003, una testa di maiale fu lanciata in campo nei pressi di Luis Figo, reo di essersi trasferito dal Barcellona proprio agli odiati rivali del Real Madrid. Perchè in Spagna non puoi avere un piede in due scarpe: o sei Blanco o Blaugrana. El Clasico non è mai una gara come le altre, è mes que futbol. 

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email