I nostri Social

Angolo del tifoso

ANGOLO SALERNITANA – Morgan, se ci sei… batti un colpo

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 3 minuti

Ad undici giorni dall’inizio del campionato, il calciomercato in casa Salernitana continua a vivere un momento di calma apparente. Che si tratti di calma antecedente alla tempesta o del perdurare di una fase  riflessiva e prudente, sarà solo il tempo a dirlo. L’unica certezza, al momento, è che la voce uno alla casella nuovi acquisti inizia a far storcere il naso a molti. L’animo già di per sé inquieto della piazza salernitana, in queste ultime ore, è messo a dura prova dalla latente ufficializzazione di nuovi innesti. Inquietudine che, di conseguenza, porta con sé rapidissimi capovolgimenti di fronte per quanto riguarda il pensiero collettivo. Un pensiero indeciso, labile, facilmente condizionabile soprattutto da chi non perde occasione per soffiare sul fuoco a pieni polmoni. Niente di più sciocco e intellettualmente disonesto. Ma, del resto, c’era da aspettarselo.

Ora, al netto di iene ridens e nostalgici di vario genere, è giunto il tempo di raccogliere quanto si è e si sta continuando a seminare. Con un’ottima base da cui ripartire, c’è da aggiungere almeno altri 5 o 6 elementi funzionali alle rotazioni dell’ambizioso, e finora non soddisfatto dal mercato Paulo Sousa. Un allenatore che ha già dimostrato, nello stesso tempo, estrema capacità di assemblaggio e fisiologiche tempistiche di assorbimento dei propri dettami tecnico-tattici. Le trattative, più o meno vicine alla definizione, di certo non mancano. Previsto per oggi l’incontro definitivo con la Juventus per la maxi-operazione che potrebbe far sbarcare all’ombra dell’Arechi Miretti, Nicolussi Caviglia e Facundo Gonzalez. Il nodo da sciogliere resta la formula del trasferimento che, stando agli ultimi rumors, si orienterebbe verso il prestito secco per almeno due dei tre golden boys. La Salernitana, dal canto suo, preferirebbe in aggiunta il diritto di riscatto, ma Giuntoli e soci non sembrerebbero dello stesso parere. Se non, eventualmente, per il solo Nicolussi.

Come vice Bradaric, torna in auge il nome di Kristoffer Lund, esterno sinistro di proprietà dell’Hacken. Due milioni la cifra richiesta dal club svedese per la cessione a titolo definitivo. Per la trequarti, invece, si tenterà di strappare il sì di Yacine Adli. Per l’eclettico centrocampista di proprietà del Milan, specifica richiesta di Sousa, si ragiona sulla base del prestito con diritto di riscatto e controriscatto. Top secret, per ora, la punta sondata da De Sanctis. Se ne saprà di più, con ogni probabilità, con l’inizio del valzer delle punte di fine mercato. Da risolvere le grane Simy, che continua a rifiutare i turchi dell’Adanaspor, Bonazzoli, in trattativa col Verona, e Sepe. Ancora da piazzare i vari esuberi di mastro-dolciaria memoria.

Pubblicità

Calma apparente, dunque, come si è detto. La sterzata decisiva, però, è attesa con la stessa bramosia con cui un bimbo attende la mezzanotte del 24 dicembre. Il rischio di non scartare il regalo atteso per un anno intero è sempre dietro l’angolo. Ma è pur vero che… chi non risica non rosica.

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitchTikTok

 

Pubblicità
Pubblicità

in evidenza