Torino, Juric: “Partita dominata, siamo stati dei polli”

News Torino Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

L’allenatore del TorinoIvan Juric, ha commentato il pari tra Torino e Lazio nel turno infrasettimanale di Serie A. I granata erano vicini alla vittoria, sfumata nel recupero per via di un’ingenuità che ha permesso a Ciro Immobile di trasformare il calcio di rigore dell’1-1 finale. Di seguito le parole del tecnico croato rilasciate ai microfoni di Sky Sport e riportate da tuttomercatoweb.com:

Soddisfatto per la continuità dimostrata dalla squadra?
“La prestazione è stata ottima, c’è solo da fare i complimenti alla squadra. Adesso sono arrabbiato per il risultato, siamo ancora indietro rispetto a quello che possiamo fare. Ci sono grandi margini di miglioramento”.

Qual è il vostro segreto?
“Vedo i dati fisici, anche le altre squadre vanno forte, è più una questione mentale. I cambi stanno dando un contributo importante, questo è un gruppo positivo che ha fame e voglia di riscatto dopo gli ultimi anni deludenti”.

Cosa pensa dei cinque cambi?
“All’inizio non ero favorevole ai cinque cambi, invece è una bella cosa. A volte la prepariamo in un modo e poi cambiamo in corsa in base alle sensazioni. Così hai più scelta, adesso però abbiamo pochi ricambi in attacco. Se potessi farei più rotazioni in quel reparto”.

Che valutazione dà a questa rosa?
“Questa squadra negli ultimi due anni ha preso 140 gol e si è salvata nelle ultime giornate. Se ho firmato per tre anni e perché ho visto potenzialità inespresse però partiamo dal basso. Non sottovaluto la mia rosa, se tutto gira bene e recuperiamo giocatori importanti come Belotti e Praet possiamo fare ancora meglio. Bisogna valutare bene le cose, dico solo che c’è da lavorare tanto e applicarsi valorizzando giocatori come è successo a Verona”.

Col ritorno di Belotti cosa cambierà?
“L’unica partita brutta è stata quella di Firenze dove abbiamo giocato con due attaccanti facendo grande fatica. Non vedo questa ipotesi, poi col tempo può succedere di tutto. Che possano giocare anche in coppia però preferisco andare in porta in modo meno diretto”.

Pjaca“Ha avuto un problema al polpaccio negli ultimi giorni, per questo è partito dalla panchina, ma può giocare anche dall’inizio. Marko è un talento favoloso, io sono innamorato. Lo vedevo giocare in Croazia e faceva della cose allucinanti. Si è perso per le operazioni al ginocchio, ma poi ha trovato continuità nel Genoa. Davanti a lui c’è una grande carriera se continua così”.

(Foto: Twitter Torino)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email