STELLA GIALLOROSSA – Lo Special One è pronto. L’Olimpico ritrova il CSKA Sofia

Focus On Roma
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Con l’inizio dei vari tornei nazionali stanno riprendendo anche le competizioni europee con il debutto, a partire da quest’anno, della nuova Conference League che andrà a fare compagnia alle più celebri Champions League ed Europa League. A rappresentare l’Italia ci sarà la Roma, reduce dal settimo posto della precedente stagione e dal successo nei preliminari di agosto contro i turchi del Trabzonspor.

Così, dopo la vittoria in Campionato con il Sassuolo all’ultimo istante e la cena di martedì sera per festeggiare la 1000esima panchina dello Special One, oggi la Roma è pronta per fare il suo esordio nella fase a gironi della terza competizione europea per club.

Quella contro il CSKA (stadio Olimpico, calcio d’inizio alle 21 con diretta su Sky Sport), per i giallorossi, è la gara ufficiale numero 3.792 mentre Mourinho è il 30esimo allenatore a guidare la squadra fuori dai confini italiani.

Il CSKA Sofia, invece, si è qualificata alla fase a gironi dopo aver eliminato nel secondo turno di qualificazione i lettoni del Liepaja (turno superato ai rigori dopo due 0-0), nel terzo turno preliminare i croati dell’Osijek (4-2 in casa, 1-1 in trasferta) e nel playoff gli slovacchi del Viktoria Plzen (sconfitta per 2-0 all’andata, parziale ribaltato al ritorno per 3-0 in casa dopo i tempi supplementari).

Nonostante Mourinho non sia particolarmente incline al turnover, stasera molto probabilmente farà rifiatare alcuni dei titolari visti in campo nelle prime 5 sfide ufficiali dell’annata. Quasi certo, pertanto, sarà l’impiego al centro della difesa del recuperato Smalling – assente in questo avvio causa infortunio muscolare – pronto a far coppia, se necessario anche con Kumbulla, anche lui ampiamente rientrato da una fastidiosa gastroenterite. Sulle fasce Calafiori sicuro al posto di Viña, qualche dubbio in più per Reynolds al posto di Karsdorp.

A centrocampo, invece, decisivo sarà l’allenamento di rifinitura mentre già è deciso l’impiego di Lorenzo Pellegrini. Il capitano romanista avrà il consueto compito di prendere per mano la squadra e indirizzarla verso l’auspicato successo e si ritroverà a condividere la mediana con El Shaarawy e Carles Perez. Davanti, infine, non sembrano esserci dubbi per la staffetta tra Shomurodov e Mayoral, con Abraham pronto per il match di domenica pomeriggio contro l’Hellas Verona di Tudor.

Insomma, a conti fatti e al netto di prevedibili piccoli inciampi, l’avvio del nuovo progetto griffato Special One promette bene: l’entusiasmo è alle stelle e si annusa la consapevolezza che si stia costruendo qualcosa di splendidamente duraturo. A immagine e somiglianza del fuoriclasse portoghese.
Anche perché, se c’è una persona che sa come si vince, quella è proprio José Mário dos Santos Mourinho Félix da Setúbal.

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email