TOP 11 SERIE A – l migliori undici del 28º turno di Serie A

Calciomercato News Rubrica
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Ventottesimo turno di Serie A parzialmente terminato. Manca infatti la partita tra Inter e Sassuolo, rinviata a data da destinarsi. Tante sorprese e qualche conferma importante.

Sconfitta pesantissima della Juventus in casa con il rinato Benevento. Grande prova di superiorità del Napoli che a Roma straccia i giallorossi. Vittorie importantissime per Atalanta, Milan e Lazio.

Ecco la Top11 di giornata:

PORTA

Lorenzo MONTIPO’ – Si ‘bugga’ uscendo dall’area con la palla tra le braccia ma mette insieme una prestazione superlativa tra i pali. Il Benevento ha tenuto molto bene ma le occasioni le Juventus le ha avute eccome.

DIFESA

Simon KJÆR – Con Tomori forma al momento una delle migliori coppie difensive italiane. Entrambi sanno fare tutto con e senza palla. Bello l’assist per lo 0-1 di Ibrahimovic.

Adam MARUSIC – Sblocca una gara complicatissima con un gol bellissimo. Fantastico il movimento di Luis Alberto, il trenta per cento del gol è suo.

Kalidou KOULIBALY – Il muro è tornato. Sbaglia una palla da galera in fase di importazione ma resta l’unico errore della sua partita. Quando gioca così, l’altro centrale può farlo chiunque.

CENTROCAMPO

Ruslan MALINOVSKY – Sta diventando il valore aggiunto di questa Atalanta in un periodo così importante della stagione.

Perparim HETEMAJ – Con questa intensità può rompere le scatole ad ogni squadra. Il Benevento ha bisogno di questa concentrazione costante per salvarsi.

Piotr ZIELINSKI – Per molto un eterno incompiuto, da quattro mesi danza sugli allori. Mai stato così devastante per così tanto tempo.

Giulio MAGGIORE – È il più pericoloso dei suoi facendo tanto lavoro di supporto sulle fasce. Segna un gol fortunatissimo.

ATTACCO

Dries MERTENS – Non è ancora al top, ma la testa ed il piede sono quelli di sempre. Legge il mal posizionamento del portiere sulla punizione e scatta sul lancio di Insigne per (Callejon) Politano.

Gianluca SCAMACCA – Entra e vince da solo. Il secondo gol, invocato da tutta la panchina, è bello quando la sua prestazione. Decisivo.

Adolfo GAICH – È proprio il nuovo arrivato a regalare la gioia dei tre punti ai suoi, coronamento di una prestazione maiuscola da parte di tutti. Il gol del Tanque è tutt’altro che banale. Si gira e si coordina alla grande lasciando immobile Szczesny.