SOCIALVLAD – Ma quanto è…alto Ibra?

Rubrica Social
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Ma quanto è alto Ibra ?!

E’ quello che avranno pensato in molti martedì sera davanti alla TV.

Tutti lì a guardare il Festival, quando dalla scalinata scende lui: Zlatan Ibrahimovic.

E lo farà per tutte le serate del Festival in qualità di ospite fisso.

Mostra la sua solita sicurezza, impegnato come una valletta sia nel guardare dritto la telecamera che a cambiarsi di abito tra un intervento e un altro.

L’eleganza dei suoi smoking Dsquared2, di cui è testimonial, fa da padrona. 

Su tutto spicca un accessorio autocelebrativo: una enorme spilla di brillanti appuntata sul petto con il suo nome abbreviato, poi sostituita con un fiore bianco al suo primo cambio di abito.

Il personaggio non si smentisce ed inizia un siparietto con il conduttore Amadeus in cui si scambiano battute e freddure simpatiche. Lui che vuole dettare le sue regole e propone di ridurre il numero dei cantanti per uniformarlo a quello di una partita di calcio, fornendo anche suggerimenti di “canto-mercato”. Amadeus, che cerca di assecondarlo con ironia, risponde con sagacità ai suoi suggerimenti.

Chissà cosa ne pensano i tifosi milanisti di questa partecipazione televisiva prolungata che esula dagli impegni calcistici del campione? In tanti certamente temono che la lotta Scudetto possa essere compromessa da questa distrazione del loro bomber.

Poi a molti è bastato vedere le foto dello yacht di 26 metri e dal valore di 20milioni di euro sul quale alloggerà Zlatan nelle sue giornate a Sanremo per tirare un sospiro di sollievo. Pare infatti che “Unknown” (questo il nome dello yacht che poco si addice ad una personalità così nota ed ingombrante come Ibra), oltre ad una palestra attrezzata che il campione utilizzerà per recuperare dal recente infortunio, sia dotata persino di un piccolo campo da calcio sul quale poter fare qualche palleggio tra una pausa sanremese ed un’altra.

E quindi godiamocelo in TV per una volta, certi che dalla città dei fiori sarà in grado di incitare la sua squadra domenica in campo contro l’Udinese.

a cura di Federica Rogano