Eriksen 2.0, il danese pronto alla consacrazione definitiva nell’Inter

Inter News Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Christian Eriksen delizia. Il danese anche ieri nella sfida casalinga vinta dei nerazzurri contro il Benevento, ha convinto anche da centrocampista davanti alla difesa. Un ruolo inedito per lui, che ha sempre agito da trequartista, e pare adesso pronto ad arretrare definitivamente anche per poter trovare più spazio nei meccanismi di Antonio Conte.

È passato esattamente un anno dal suo arrivo a Milano, dal Tottenham, e sin da subito era stato messo al centro della critica, non tanto dalla maggior parte dei tifosi nerazzurri, ma piuttosto dal tecnico Antonio Conte, che non è mai riuscito a cucirgli una veste che gli consentisse di potersi esprimere al meglio nella sua idea di gioco negli undici titolari.

Incomprensioni, musi lunghi, Eriksen è sempre stato sul punto di lasciare l’Inter ma mai concretamente: pesano i costi importanti sostenuti dalla dirigenza Suning, e venderlo ora a cifre simili, si è rivelato ostico come non mai, onde rischiare di registrare a bilancio una minusvalenza di cui il club attualmente deve assolutamente farne a meno.

Non è un momento felice per le casse della società, questo è un dato oggettivo, dal momento in cui proprio i Suning pensano di vendere parte delle quote societarie se non l’intera maggioranza, e da qui, anche per una serie di incastri, Eriksen è rimasto a Milano, in silenzio, nonostante qualche mugugno iniziale a mezzo stampa.

Ora pare che ci siano tutti i presupposti per assistere ad un Eriksen 2.0, per la gioia dei tifosi che si sono sempre divisi sull’argomento. In tanti hanno sempre sostenuto il ragazzo a discapito del tecnico, convinti che potesse dare un grande contributo con la sua classe e con le giocate che lo hanno sempre contraddistinto sin dal recente passato.

Intanto Eriksen, sempre in silenzio sta scalando il suo personale Everest. Dopo aver regalato la semifinale contro il Milan in Coppa Italia con una punizione magistrale dal limite, ieri si è ripreso la scena di San Siro, da play basso davanti alla difesa, con giocate semplici ma efficaci e mai banali.

Tutti, adesso, sperano di poterlo finalmente ammirare nella scala del calcio, tenendo fede alla presentazione dello scorso gennaio, che per giusta ragione, ebbe in pompa magna.

Conte può gioire, e constatare che ad oggi l’Inter, ha ritrovato un innesto in più nella zona nevralgica del campo, e che in questo periodo di crisi finanziaria, vale molto di più dei 20 milioni spesi un anno fa per un giocatore in scadenza contrattuale.

Foto: profilo ufficiale twitter Christian Eriksen

 

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email