TACCHETTI ROSA – Vita privata e poi…

Focus On Roma Tacchetti Rosa
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

In questi giorni di vacanze natalizie abbiamo seguito sui social i nostri idoli e campioni di calcio che postavano foto o commenti di auguri.

Tutti si sono fatti immortalare con gli amori della propria famiglia: mogli, figli, genitori. Magari davanti ad alberi brillantinati, presepi giganti, cappelli da Babbo Natale e tanti altri accessori natalizi.

Ma c’è stato anche chi, a Natale, ha fatto chiacchierare, e pure parecchio. E non per i suoi gol ma per la vita privata.

Parliamo di Nicolò Zaniolo, il giovane centrocampista della Roma, ancora fermo per il grave infortunio al crociato da cui sta cercando di riprendersi con un grande lavoro di recupero.

Gli eventi accaduti recentemente nella sua privata potrebbero alimentare la soap più vista dell’ultimo ventennio. I tifosi romanisti si augurano che questi non compromettano la sua ripresa e le sue future prestazioni sul campo.

Se cerchiamo su Google Zaniolo, oggi non compare nulla riguardante la sua carriera ma si trovano solo notizie legate alle sue scelte amorose.

Abbiamo prima una fidanzata, Sara Scaperrotta, ventiduenne romana ancora studentessa dell’Università di Roma “La Sapienza” in Scienza della moda e del costume. Un rapporto che sembrava procedere felicemente ma che invece si è interrotto all’improvviso. Cose che a vent’anni succedono e non che non stupiscono affatto.

Ma poi abbiamo Madalina Ghenea, nota e bellissima modella rumena, più grande di dodici anni, con la quale il calciatore ha intrapreso una nuova relazione. 

Una relazione che filava liscio fino a quando non è trapelata la notizia della gravidanza della ex. E di tanti racconti e indiscrezioni intorno ad essa degni delle migliori puntate di Beautiful di tutti i tempi. Ma che davvero rischiano di gettare tanto fango su un giovane calciatore, promettente e sfortunato, ma con tanto tempo davanti per rimettere in piedi il suo fisico e la sua carriera.

La storia di Zaniolo ci apre gli occhi su come questi campioni, seppur pieni di talento, abbiano spesso la maturità dei loro anni ma i soldi di un nababbo. La differenza tra un giocatore e un campione è infatti nella testa.

Speriamo che Nicolò riesca a fare ordine nella sua vita e che qualcuno lo consigli su come essere un esempio per i giovani, dentro e fuori dal campo.

I tifosi romanisti si aspettano esattamente questo.

a cura di Federica Rogano

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter