Inter, Marotta: “Troppi errori arbitrali, serve un Var più attivo”

Inter SERIE A Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

L’amministratore delegato dell’Inter Giuseppe Marotta, intervenuto ai microfoni Sky, si è così espresso dopo il pari interno col Parma: “Della partita parlerà l’allenatore. La cultura dell’alibi non ci appartiene, per vincere bisogna buttare dentro la palla. Però purtroppo c’è un vuoto normativo regolamentare: il VAR interviene solo in caso di chiaro errore dell’arbitro. Ciò però non giustifica il fatto che dobbiamo assistere a scelte a nostro avviso sbagliate. O l’arbitro presta più attenzione oppure il VAR deve essere utilizzato. La nostra prestazione non è stata delle più belle, ma è giusto che io, dopo 6 partite, faccia questo tipo di consuntivo”.

Quindi vorrebbe un VAR più attivo.

La tecnologia non può debellare gli errori, ma può limitarli. Parlare di rigore certo è cosa molto semplice, io sono qui per fare una denuncia sul vuoto regolamentare. E’ giusto che anche la classe arbitrale, ogni tanto, prenda una posizione di maggiore attenzione”.

All’interno della società, c’è la sensazione di essere stati penalizzati dalle decisioni arbitrali?

La penalizzazione avviene per tutti i club. Ma l’errore è reiterato. In Benevento-Inter, ad esempio, c’era un altro grande rigore non datoci”.

Vi è stato detto qualcosa circa l’operato del VAR sui casi dubbi?
Io oggi sono qui con grandissima serenità, non accuso nessuno. Se ci fossero più momenti per confrontarsi, forse si creerebbe meno tensione e sarebbe anche tutto più semplice per gli arbitri”.

Ti aspettavi un’altra Inter in questo inizio di stagione?
Stiamo vivendo un momento difficilissimo. C’è tutto un insieme di approssimazioni dal punto di vista fisico. Questa partita è stata particolare, ma ci deve essere massima serenità: ci sono tantissimi impegni. Prima della gara non avrei sottoscritto un pari, ma per come si era messa, il pareggio assume un importante significato per me”.

(Foto: sito ufficiale Inter)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email