AIA, Nicchi: “Ripresa senza VAR? Potremmo essere costretti dalla sicurezza sanitaria”

News Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

Marcello Nicchi, presidente dell’AIA, durante la Domenica Sportiva su Rai 2, spiega le motivazioni di una probabile ripresa della stagione senza l’ausilio del VAR“Potrebbe essere una cosa che ci viene costretta. Come sapete oggi la VAR viene fatta in furgoni, ambienti angusti, vicini ad altri operatori che non sai chi ha frequentato prima di arrivare lì. Si rischia che non ci siano le distanze di sicurezza, io auspico che non accada, ma potrebbe esserci anche questo problema. Questo però è un discorso della Serie A, ma mi preme il discorso dei Dilettanti: come si fa a mandare un ragazzo di 18 anni in campi di provincia dove non saprà a cosa va incontro? Se dovessimo ripartire domani, noi non ci saremmo. Gli arbitri sono preoccupati di poter rivedere le proprie famiglie, e bisogna cominciare a ragionare prima sulle cose. Io spero che il VAR ci sia, se dovesse mancare sarebbe però per un’emergenza sanitaria”.

Print Friendly, PDF & Email