Franck Ribery non ci sta: “La Fiorentina mi ha mancato di rispetto”

Calciomercato Fiorentina Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Franck Ribery ha lasciato la Fiorentina perché il club non gli ha rinnovato il contratto, ma il francese non ci sta per la modalità con la quale i viola hanno pensato di dirgli addio.

Ribery voleva restare e lo ha detto a Toscana TV, raccontando i retroscena della vicenda e parlando del suo futuro:

“Per me sono stati due anni veramente belli. Non sono stati facili, però sono molto contento perché ho conosciuto tante persone, una città bella e i suoi tifosi. Anche in spogliatoio è stata una bella esperienza perché ho dato il mio massimo per la società e per la squadra. Peccato perché pensavo di continuare un anno in più con la Fiorentina, però così è la vita e il calcio”.

“Già prima di venire a Firenze tutti sapevano che la Fiorentina è un club importante per l’Italia. Sono venuto per portare qualcosa e non pensavo di lottare per salvarci in questi due anni. Nel futuro comunque c’è la potenzialità per fare belle cose. La storia è importante e spero che la Fiorentina torni ad alti livelli: il nome è importante in tutta Italia, sono venuto qui anche per questo. I tifosi meritano di più”.

“È stato difficile. Io in due anni ho dato il massimo, è la mia mentalità. È stata dura perché per tre o quattro settimane non ho mai sentito nulla. Nessuno mi ha chiamato e questo vuol dire che mi hanno mancato un po’ di rispetto. Mi è sembrato che questi due anni in cui ho dato tutto non siano stati riconosciuti”.

E adesso, il futuro? “Non lo so ancora, veramente. Parlo sempre con il cuore ma la mia idea era veramente di continuare con la Fiorentina un anno in più. Però è stata una situazione non facile, anche se non ho mai voluto parlare male della società. Spero comunque di restare in Italia”.

Foto: profilo Twitter Franck Ribery

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email