Caos Milik: due motivi hanno frenato (al momento) la cessione alla Roma

Calciomercato Juventus Napoli News Prima Pagina Roma
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Arek Milik è ancora del Napoli, ad oggi 22 settembre, il calciatore polacco risulta un tesserato del club azzurro nonostante una situazione al limite del grottesco, con il rischio concreto, di perderlo a parametro zero dal 6 ottobre in poi.

Il rischio è tale, da giustificare in minima parte quanto successo in queste ultime ore tra il calciatore, i partenopei, e la Roma.

Nelle scorse ore abbiamo cercato di raccogliere tutte le ultimissime indiscrezioni possibili, per poter meglio esplicare una situazione che ha colto di sorpresa un pò tutti.

Nodo mensilità

È mancato l’accordo tra Arek ed il Napoli. Il club di Adl per le liberatorie sulle famigerate multe del caso ammutinamento, e soprattutto per i danni di immagine, voleva che il polacco rinunciasse a due mensilità come fatto da Allan. Ma il braccio di ferro non ha sortito, in tempi brevi, di sbrogliare una matassa che è diventata via via sempre più ingarbugliata, con nervi tesissimi.

La Roma ha voluto cambiare la formula

Dal prestito oneroso con obbligo di riscatto, il club giallorosso ha voluto rivedere la formula, complice anche il nuovo accordo con il Leicester che per Under ha dovuto accettare un diritto di riscatto e non più un obbligo.

I fondi per Milik, secondo il club di Friedkin, passavano dalla certezza dell’operazione Under, e come era facile ipotizzare, questa soluzione difficilmente poteva essere di gradimento ad Adl, forte di un accordo già blindato tanto da mandare lo stesso Milik a svolgere visite specialistiche per la Roma, per poi farlo tornare a Napoli e tenerlo lì, da separato in casa.

Dall’altra parte entra in scena la Juventus, che stufa di attendere Dzeko,  proprio nella giornata di ieri ha virato con forza su Morata portandolo nella notte a Torino.

Lo stesso Dzeko, altro sedotto ed abbandonato, che aveva dato il suo assenso ai bianconeri nonostante il forte legame con la Roma e con Roma, si è ritrovato “vittima” di incastri mancati che hanno sorpreso tutti, Fonseca ed Edin compresi, che di comune accordo avevano deciso per la panchina a Verona costringendo la Roma a giocare senza una vera prima punta.

Milik alla Roma potrebbe sempre andarci, il club giallorosso avrebbe comunque bisogno di un’altra punta oltre il bosniaco, ma ora filtra pessimismo. Occorre da parte nostra anche scusarci con i nostri lettori per quanto rivelato nelle scorse ore, ma non per giustifica, il mercato sa essere anche questo, sa passare dalla fiducia estrema, ad improvvisi stop e raffreddamenti, ma occorreva dare seguito alle notizie che ci giungevano anche affrontando il rischio di bucare una notizia.

Quale soluzione ora per Milik? Un lumicino, piccolissimo, per la Roma, filtra ancora, ma torna in auge l’ipotesi estero. Il Napoli dovrà cederlo, il tempo stringe, ed a questo punto le prossime ore regaleranno sicuramente ulteriori novità, si spera questa volte decisive positivamente per tutte le parti coinvolte in questa vicenda che sta regalando momenti non proprio felici.

Foto: sito ufficiale SSC Napoli