ULTIM’ORA – Ancelotti accusato di evasione da 1 milione di euro

News Rilievo
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

L’ultima ora riportata da Marca fa appello ad una grandissima indiscrezione che vede come protagonista Carlo Ancelotti. Principalmente fa riferimento al suo periodo madrileno, tra il 2013 e il 2015. Stando a quanto riportato dal giornale spagnolo, l’ex tecnico delle merengues avrebbe evaso ben 1 milione di euro. Precisamente 1.062.079; tutto nei due anni in cui lui ha vissuto a Madrid. Pare che Ancelotti abbia firmato due contratti con il Real Madrid: uno per le sue prestazioni da allenatore, un altro per la cessione dei suoi diritti di immagine. La procura infatti accusa l’ex coach rossonero di “aver evaso i suoi oneri con l’agenzia delle entrate ingiustificatamente”.

Sostanzialmente il tecnico avrebbe usufruito di una società terza per ricavare quei determinati incassi, al fine di evitare che l’agenzia delle entrate non conoscesse il beneficiario di quella somma. La denuncia afferma che l’allenatore avrebbe apparentemente firmato un contratto che cedeva i suoi diritti di immagine a un’entità chiamata Vapia Limited, per un periodo di 10 anni ed un importo di 25 milioni di euro.

Successivamente però gli stessi diritti furono ceduti al tecnico nuovamente per una cifra di un milione di euro. Ed in più Ancelotti firmò un ennesimo contratto in cui i diritti venivano suddivisi tra la società, egli stesso e un’altra agenzia denominata Vapia LLP; la quale fatturò nel 2013-2014 ben 1.015.000 di euro e l’anno seguente più di 2 milioni di euro. In fin dei conti, nessuna società né lo stesso tecnico ha dichiarato fondamentalmente i ricavi derivanti dai diritti di immagine dell’allenatore, creano dunque un caso di evasione fiscale.

Print Friendly, PDF & Email