Napoli, Gattuso: “Abbiamo giocato rispettando l’Inter, ma non sorrido, dobbiamo pedalare”

Condividi

Gennaro Gattuso ha parlato ai microfoni di RAI Sport dopo la vittoriosa trasferta di Milano per la semifinale di andata di Coppa Italia contro l’Inter. Ecco il pensiero del tecnico partenopeo:

“Abbiamo giocato sulle due fasi. In fase difensiva, e’ vero che eravamo sempre nella meta’ campo nostra, abbiamo rispettato gli avversari. Mancano 17-18 partite alla fine. Se giochiamo cosi’ ci togliamo delle soddisfazioni. L’interpretazione la devono fare a casa loro i nostri ragazzi. Lukaku e Lautaro limitati? E’ una squadra forte. E’ chiaro che bisogna oscurare i due attaccanti. Non a caso sono a pari punti con la Juve. Dobbiamo fare sempre le cose per bene. Nel primo tempo abbiamo palleggiato anche bene. Manca la continuità, ma il palleggio c’è. Perdiamo le partite per il non possesso palla. Non possiamo permetterci di sottovalutare nulla. Se vedete i due gol presi col Lecce potete notare che eravamo in pochi dietro la linea della palla”.

Gattuso ha aggiunto: “Senza fase difensiva non andiamo da nessuna parte. Voglio due Napoli: uno in fase di possesso e uno in fase di non possesso. Tranne la gara con la Juve, rischiamo sempre di prendere gol. E’ la prima volta che mi succede in 7 anni di lavoro. Insigne? E’ venuto in panchina, aveva il ginocchio un po’ gonfio. Koulibaly non era al 100%, speriamo di recuperarli presto. Non abbiamo fatto ancora nulla. C’è poco da sorridere, dobbiamo pedalare”.