Auschwitz, Árpád Weisz l’allenatore vittorioso degli anni ’30 cancellato dalla storia

Tempo di lettura: 4 minuti «Di Árpád Weisz, a sessant’anni dalla morte, si era perduta ogni traccia. Eppure aveva vinto più di tutti nella sua epoca, un’epoca gloriosa del pallone, aveva conquistato scudetti e coppe. Ben più di tecnici tanto acclamati oggi. […] Sarebbe immaginabile che qualcuno di loro scomparisse di colpo? A lui è successo». Così Matteo Marani, il […]

Continua a leggere