Antonio Cassano

Napoli, Cassano “prova” a scusarsi e rilancia: le sue parole

Htest Napoli News Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Le Iene prova a rimettere la pace tra Antonio Cassano e “gli scappati di casa” del Napoli di Diego Armando Maradona. Un attacco che ha fatto rumore e che non è piaciuto, l’ex calciatore di Bari Vecchia ha definito i compagni di squadra vittoriosi a Napoli con Maradona con le seguenti parole nel corso del podcast Muschio Selvaggio condotto da Fedez:

“Ha vinto il primo scudetto a Napoli con degli scappati di casa in squadra”.

Fantantonio ha ricevuto diverse risposte dai calciatori che facevano parte di quella rosa, ma non ha mai trattato sulle sue parole. Anzi, ha sempre rincarato la dose aggiungendo altre dichiarazioni.

Il programma Le Iene in onda sulle reti Mediaset ha raggiunto Cassano e ha provato attraverso l’inviato Beppe Quintale di chiudere definitivamente la questione. Di seguito le parole di Cassano riportate da sportmediaset.mediaset.it:

“Scappati di casa non è un’offesa, erano giocatori mediocri, scarsi, si può dire questo? È un’opinione mia. Era una squadra mediocre in cui ha fatto un miracolo Diego. Erano giocatori mediocri o scarsi, ho il diritto di pensare così.

Io ne dico tante di min***ate. Quando parliamo di Diego, alieno, extraterrestre. Giordano, fortissimo. Carnevale, buon giocatore. Gli altri erano mediocri o scarsi”.

COMMENTO AL POST DI FERRARA: “Detto da lui è già abbastanza particolare, non parliamo di Freud! Per quanto riguarda il «taci» io sto zitto solo ed esclusivamente se me lo dicono i miei figli, e non Ciro Ferrara. Chi deve stare zitto è lui. Faccio un passo indietro, sono giocatori che mi piacciono meno di quelli che mi piacciono! E al Napoli che ha vinto lo scudetto con gli scappati di casa, chapeau!“.

(Foto: Depositphotos)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email