CINQUE IN PAGELLA – Napoli-Cagliari 1-1

Napoli News Rubrica
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

L’assalto del Cagliari ferma il Napoli nei minuti di recupero. Gli azzurri dominano sotto il profilo del gioco ma, come spesso accade, non capitalizzano il volume di gioco. In vantaggio con Osimhen, a cui viene annullato il secondo per un presunto fallo, falliscono il raddoppio con una traversa di Demme. Meret salva il risultato ma capitola al novantatreesimo su tiro di Nandez.

Napoli

Meret: Voto 7

Il Napoli ormai è nelle sue mani, il giovane portiere azzurro, senza la pressione del dualismo, sembra più sereno. Nel primo tempo prima viene salvato dal palo poi, con un doppio intervento, salva il risultato. Nella ripresa, prima di capitolare, salva la porta con un ottimo riflesso su Pavoletti. Non è irresistibile nelle uscite, compresa l’azione del gol del pari.

Di Lorenzo: Voto 7

Lo stato di forma dell’ex empolese non conosce soste. Anche oggi sfodera una prestazione superba. Efficace sia in fase di copertura che quando spinge. Ancelotti, a suo tempo, lo definì estremamente intelligente, uno che apprende subito le situazioni. Preziosissimo un salvataggio su Simeone.

Hysaj: Voto 6.5

A sorpresa, Gattuso lo conferma ancora titolare sull’out mancino. L’albanese, a suon di ottime prestazioni, non esce più dal campo e anche oggi conferma che il tecnico ci ha visto giusto. Disputa una gara sontuosa ma si addormenta proprio nel momento clou e regala il pareggio al Cagliari.

Demme: Voto 7

L’ex Lipsia è un moto perpetuo, garantisce sempre situazioni da uomo in più. Corre in soccorso dei compagni ma anche dalla cintola in su fa sentire la sua presenza. Con un missile terra-aria colpisce la traversa.

Koulibaly: Voto 7

Il numero 26 azzurro è inamovibile al centro della difesa azzurra. Messo alle spalle il periodo di appannamento è diventato un punto fermo nelle scelte del tecnico. Gioca con personalità ed esperienza. Pavoletti lo impegna fisicamente e per lui è un invito a nozze. A parte qualche errore in fase di disimpegno, è stoico fino alla fine, nonostante i crampi.

Manolas: Voto 6.5

Scontato il turno di squalifica, il centrale greco si riprende la maglia da titolare. Dopo l’infortunio ed alcune gare pessime, ritorna il calciatore affidabile. Non è appariscente ma svolge il suo compito senza sbavature.

Lozano: Voto 6

Smaltito totalmente l’infortunio, dopo alcune apparizioni da subentrante, l’ala messicana ritorna titolare. Purtroppo non è ancora tornato il calciatore devastante di due mesi fa, si dà da fare ma non lascia il segno (dal 66’ Politano: Voto 5.5 Stavolta non lascia il segno).

Fabian Ruiz: Voto 7

Lo spagnolo, smaltito il fastidio alla schiena che l’aveva tenuto fuori nella trasferta di Torino, si riprende il posto in cabina di regia. La prestazione è di grande livello per quantità e qualità. Detta i tempi e costruisce gioco senza mai sbagliare nulla (dal 81’ Bakayoko: S.V.).

Osimhen: Voto 7

Ancora una volta il nigeriano si lascia preferire a Mertens nel ruolo di punta centrale. La gara per lui è complicata, Semplici gli riserva un trattamento speciale ma, anche con l’uomo attaccato alle calcagna, trova tempo e spazio per siglare un gran gol. Fermato dall’arbitro per un presunto fallo, gli viene negata la personale doppietta che avrebbe probabilmente garantito i tre punti (dal 75’ Mertens: Voto 5 Un ingresso inutile, quasi irritante).

Insigne: Voto 6.5

Tagliato il traguardo delle trecento gare in azzurro, il capitano, dopo una prestazione non esaltante contro il Torino all’ossessiva ricerca del successo personale, oggi ritorna leader e disegna calcio. Delizioso l’assist per la rete del vantaggio. Nel secondo tempo inspiegabilmente si spegne ed il Napoli accusa il colpo.

Zielinski: Voto 7

Il polacco è ormai un elemento insostituibile nei meccanismi azzurri. Gattuso gli ha cucito addosso un ruolo tutto nuovo grazie al quale rende al massimo. Dopo un paio di gare in chiaroscuro, oggi si riprende la scena disputando una gara importante (dal 81’ Elmas: S.V.).

Gattuso: Voto 6.5

Nonostante il Napoli non vinca, gli azzurri comandano il gioco. Le scelte pagano, la squadra continua a seguire le sue indicazioni anche se alla fine il risultato non soddisfa.

Cagliari

Cragno: Voto 6

Rientra dopo il Covid e capitola al primo assalto.

Zappa: Voto 6.5

Spinge con buona continuità e sfiora il gol (dal 81’ Calabresi: S.V.).

Carboni: Voto 6

Meglio in fase di spinta che quando c’è da difendere.

Duncan: Voto 6

Va a corrente alternata e il centrocampo azzurro lo mette in ansia.

Godin: Voto 6

E’ esperto, fa bene ma è eccessivamente ruvido.

Ceppitelli: Voto 5.5

Spesso in sofferenza contro la velocità degli attaccanti azzurri (dal 75’ Simeone: Voto 6 Entra e subito sfiora il gol).

Nandez: Voto 7

Quando si accende crea pericolo. Suo il gol del pareggio.

Deiola: Voto 6

Buona gara senza eccessi (dal 70’ Asamoah: Voto 6.5 Dà forza alla mediana e appoggia bene gli attaccanti).

Pavoletti: Voto 6.5

Regge da solo il peso dell’attacco sfiorando il gol.

Nainggolan: Voto 7

E’ punto di riferimento per i suoi, non si ferma mai.

Lykogiannis: Voto 6

Buona la gara attacco e difesa (dal 81’ Cerri: S.V.).

Semplici: Voto 7

Il suo Cagliari gioca bene e ci crede fino alla fine.