SPECIALE 2020 – La vostra formazione ideale del 2020

Rubrica
Condividi
Tempo di lettura: 4 minuti

Attraverso un sondaggio Instagram, la redazione de Le Bombe Di Vlad ha dato la possibilità ai followers di votare il ‘Dream Team’ dell’anno solare 2020.

Di seguito la formazione ideale decretata da voi sulla base di un 4-2-3-1:

PORTA

Gianluigi DONNARUMMA – La vera regina della ‘Serie A 2020’ è stata il Milan. Nonostante i molti voti a favore di Marco Silvestri – portiere del Verona – l’estremo difensore rossonero ha meritatamente vinto. Il talento nato a Castellammare di Stabia, sta diventando sempre più padrone di questo Milan. In un anno importante, che porta all’Euro2021, Gigio sta dimostrando a tutti che la porta della Nazionale Italiana ha un padrone, un grandissimo padrone. Pioli e Mancini ringraziano.

DIFESA

Theo HERNANDEZ – È lui l’MVP di questo 2020 per i nostri seguaci. IL PIÙ VOTATO. Umiliati Gosens, Spinazzola e Young. Theo Hernandez sta diventando davvero uno dei più forti terzini d’Europa. Unico per la propensione al gol, da affinare ancora in fase di copertura. Per tutto il 2020 ha tenuto alta l’asticella, garantendo continue prestazioni da top player. L’impressione è che sentiremo tanto, tantissimo parlare di lui. 2020 da 7 gol e 8 Assist.

Francesco ACERBI – Probabilmente il miglior difensore della scorsa stagione, dalle doti umane e calcistiche assolute. Ha tenuto a galla la sua Lazio con partite da fuoriclasse del ruolo, rimanendo nella seconda parte di stagione concentrato tanto quanto nella prima. Se i biancocelesti hanno sognato il tricolore, tanto merito è anche suo. Vittoria meritata su Smalling, Bastoni e Romagnoli.

Stefan DE VRIJ – L’olandese stravince sorprendentemente su de Ligt, Kjaer e Milenkovic. Un anno per lui senza vittorie ma tanti rimpianti, sia per il secondo posto in campionato ad un punto dalla Juventus che per la sconfitta in finale di Europa League.

Achraf HAKIMI – Esterno a tutto campo con immensa propensione al gol. Nonostante il suo 2020 italiano sia durato solo tre mesi, di cui due sotto tono, l’esterno marocchino l’ha spuntata su Cuadrado, Calabria e Lazzari.

CENTROCAMPO

Manuel LOCATELLI – Re del centrocampo sassolese. De Zerbi stravede per lui ed anche i nostri followers. Vince su Brozovic, De Paul e Bennacer. Scontro tutt’altro che scontato, con tre centrocampisti che hanno vissuto un grandissimo 2020.

Nicolò BARELLA – In un’Inter a tratti poco quadrata, l’unico sempre sul pezzo per 365 giorni è stato sicuramente lui. Si sta prendendo davvero il centrocampo nerazzurro, diventando l’unico inamovibile sulla mediana. Vince di pochi voti su Milinkovic-Savic, Kessie e De Roon. In un anno così importante per la Nazionale Italiana, sarà fondamentale per lui restare ai livelli espressi nell’anno appena trascorso.

TREQUARTI

Hirving LOZANO – L’esterno messicano la spunta su Kulusevski, Ilicic e Berardi. Tutti e quattro hanno vissuto un ottimo 2020 fatto di tanti alti e qualche basso. È stata premiata la crescita smisurata dell’azzurro dall’inizio dell’attuale campionato.

Henrik MKHITARYAN – Lotta durissima sulla trequarti. L’armeno, di proprietà della Roma, ha dovuto vedersela con Gomez, Luis Alberto e Calhanoglu. Rispettivamente: il più trascinatore, il più estroso e – numeri alla mano – il più decisivo centrocampista dell’anno solare 2020.

Lorenzo INSIGNE – Chi l’avrebbe mai detto! Il capitano partenopeo vince su Cristiano Ronaldo, Leao e Zaccagni. Premiata la maturità calcistica e umana sviluppata nel corso dell’ultimo anno. Insigne è sempre più trascinatore del Napoli e della Nazionale Italiana, di cui è numero 10 e leader tecnico.

ATTACCO

ZLATAN IBRAHIMOVIC – La sfida più ardua la spunta lui, sempre lui. È risaputo che quando il gioco si fa duro, Ibra inizia a vincere. Lo ha fatto arrivando al Milan, lo ha fatto nella sfida con Immobile, Lukaku e Caputo. Oltre i gol, oltre gli Assist, oltre le prestazioni. Ibra è entrato nella testa del Milan, portandolo ad essere la prima squadra d’Italia per punti ottenuti nel 2020. Un 2020 da 30 partite, 22 gol e 7 assist. Tutto ciò, a trentanove anni.

                             

 

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter