A(F)FONDO – Speciale Mondiali – Paulo Dybala

A(F)FONDO Calciomercato Focus On Htest
Condividi
Tempo di lettura: 4 minuti

Speciale Mondiali – Paulo Dybala

L’Argentina, vincitrice del gruppo C, è probabilmente la nazionale favorita in assoluto per questa edizione dei Mondiali, potendo schierare campioni di enorme valore e una vera e propria leggenda, Leo Messi.
L’attacco è senza dubbio il punto forte della Albiceleste: oltre alla Pulce, Lautaro Martinez, Ángel Correa, Julián Álvarez, senza contare un certo  Alejandro “Papu” Gómez, vecchia conoscenza del calcio italiano, formano una trequarti di grandissimo peso.
Paulo Dybala, attaccante dalla tecnica e dalla eleganza sopraffine, con un lungo passato alla Juventus, è oggi punto fermo della Roma e della Selección.

Dybala agli esordi

Paulo Exequiel Dybala nasce a Laguna Larga, cittadina nella provincia di Cordoba, il 15 novembre 1993.
Di origini polacche ed italiane, fin da bambino mostra un enorme talento, entrando a soli dieci anni nelle giovanili dell’Instituto Atlético Central Córdoba, una delle tre storiche squadre del capoluogo argentino (Talleres e Belgrano le altre due).
È qui che le sue imprese gli valgono il soprannome “La Joya”, il gioiello, attirando l’attenzione dei maggiori club sudamericani e, fin da subito, di molti club europei.
Con la sua classe ed eleganza, Paulo appare da sempre un vero e proprio predestinato, tanto che, appena diciottenne e subito dopo il suo primo contratto da professionista con l’Instituto, viene ingaggiato dal Palermo del Presidente Zamparini, complici gli ottimi rapporti tra l’allora DS rosanero Sean Sogliano ed il procuratore e scopritore di talenti Gustavo Mascari.

Primi anni in Italia

Paulo Dybala è stato uno degli acquisti più costosi nella storia del club siciliano, pagato come fu, nel 2012, dodici milioni di euro.
Il 2 settembre 2012 fa il suo esordio in Serie A, entrando in campo per sostituire uno dei giocatori più amati nella storia del club rosanero, Fabrizio Miccoli.
Nelle sue tre stagioni al Palermo, mette in mostra tutto il suo repertorio, conquistando la promozione in A dopo la retrocessione maturata il primo anno e formando con il connazionale Franco Vázquez e Andrea Belotti, il Gallo, un attacco di enorme prolificità e talento.
Le sue prestazioni gli valgono l’interesse dei maggiori club italiani ed europei, ma chi la spunta è la Juventus, che il 4 giugno 2015 se ne assicura le prestazioni, pagandone il cartellino ben 32 milioni di euro più bonus.

Dybala in bianconero

Nella Juventus Dybala diventa “grande”, anche se purtroppo è in questi anni che comincia a manifestarsi il più grande limite del giocatore: i numerosi infortuni.
Ciò nonostante, la sua classe sopraffina è evidente e con il club bianconero vince ben 5 scudetti, 4 Coppe Italia e 3 Supercoppe nazionali.

Nel 2017 è in campo nella finale di Champions League, persa contro il Real Madrid di quel Cristiano Ronaldo che di lì a poco sarebbe diventato suo compagno di squadra.

Futuro giallorosso

Il rapporto con la Vecchia Signora si esaurisce, in maniera tormentata, nella stagione 2021/22, con Paulo che va a scadenza e numerosi club italiani ed europei che si affollano alla sua porta.
Paulo scioglie velocemente ogni dubbio e decide di accasarsi alla Roma guidata dallo Special One, Jose Mourinho, diventandone punto fermo ed insostituibile.

La Nazionale

Nel giro della nazionale argentina fin da quando aveva sedici anni, rispondendo nel 2015 alla convocazione della nazionale maggiore e giocando la sua prima gara ufficiale con la Albiceleste sceglie definitivamente i colori patrii, dopo le voci su una possibile convocazione nella nazionale italiana allora guidata da Antonio Conte.
Con la Selección ha vinto la Finalissima di Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA di quest’anno, battendo proprio l’
Italia.
Oggi è titolare di una delle rappresentative candidate alla vittoria finale del Mondiale.
Dopo la sorprendente falsa partenza contro l’Arabia Saudita, la Selección ha accumulato vittorie, ed il 9 dicembre prossimo si giocherà il passaggio in semifinale contro i Paesi Bassi.

Mercato 

La Roma ha chiuso una brillante operazione, assicurandosi le prestazioni sportive della Joya senza alcun esborso per il cartellino, cartellino il cui valore si attesta oggi intorno ai 30 milioni di euro.
Con i giallorossi ha siglato un contratto triennale per circa 4,2 milioni di euro a stagione, oltre vari bonus ad obiettivi.
Dybala è appena arrivato a Trigoria, e sembra starci molto bene, ma la clausola fissata a venti milioni con una percentuale che va direttamente al giocatore non lascia tranquilli tifosi e dirigenza, specie dopo le prime positive prestazioni.
Proprio per questo i Friedkin stanno pensando di accelerare i tempi del rinnovo.
Le sorti del Mondiale, però, potrebbero cambiare tutto: Pinto deve sbrigarsi.

 

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitchTwitch

 

Print Friendly, PDF & Email