maradona bilardo

“Il mondo si fermò”: un anno senza Maradona

News Prima Pagina Rubrica
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Ebbene sì, è già passato un anno da quel tragico giorno in cui il mondo si fermò. Il 25 novembre 2020 Diego Armando Maradona, El Diez per eccellenza, si spense all’età di 60 anni. Una notizia che finì per sconvolgere l’intero pianeta, stringendo buona parte del globo nel ricordo di un calciatore che difficilmente sarà dimenticato.

El Pibe de Oro lasciò tutti – come suo solito – a bocca aperta, salutando la vita terrena quando meno ci si aspettava. Una prematura dipartita, in quanto sembrava ormai fuori pericolo post operazione ma così non fu. Le dinamiche che hanno portato alla scomparsa del fuoriclasse argentino sono rimaste tuttavia irrisolte.

D10S è stato colui che ha avvicinato due mondi opposti, due continenti lontani, unendoli nell’amare le sue gesta. Dall’imprese sportive ai gol impossibili a cui Diego Armando Maradona ci aveva abituato. Per tenerli, infine, uniti anche nel tragico giorno di un anno fa.

L’omaggio a Diego non risparmiò nessuno: grandi calciatori del passato e del presente, club con cui ha giocato e che ha affrontato, sportivi di ogni genere, uomini dello spettacolo, giornali di ogni angolo del globo fino ad arrivare ai suoi tifosi e a tutti gli amanti di questo sport.

Un capitolo a parte meritò l’amore viscerale dei napoletani, i quali si raccolsero in una vera e autentica veglia all’esterno di quella che fu casa sua: il San Paoloche inevitabilmente ha poi portato il suo nome. I napoletani si riunirono nei luoghi di culto presenti in giro per la città, uniti nel ricordo e nello sconforto della perdita di un individuo che è stato più che un semplice calciatore. Diversi sono i murales presenti in giro per la città, dallo storico a quartieri spagnoli, in via Emanuele de Deo fino ad arrivare al più recente di Jorit nel quartiere di San Giovanni a Teduccio.

Diego Armando Maradona, Napoli e i napoletani si sono amati alla follia, anche ben oltre i sette anni di convivenza. Non è stata solo una questione di campo, ma di vero amore. Spesso Diego è stata una guida, un supporto, un capitano per un intero popolo senza sottrarsi nel dichiarare ciò che pensava sotto i riflettori delle telecamere.

Controversa è stata la sua vita privata, ma non sta a noi giudicarla. Non è nostra intenzione farlo, quindi ci limitiamo – ancora una volta – a salutare Diego Armando Maradona. Un anno fa il mondo si fermò.

(Foto: Twitter FIFA World Cup)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter