Sergio Ramos PSG

PSG, la prima conferenza di Sergio Ramos

Calciomercato Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Sergio Ramos ha partecipato alla sua prima conferenza stampa come calciatore del Paris Saint-Germain. Tra i vari temi, ha parlato anche di Mbappé, partendo dalle scelte che lo hanno spinto ad accettare il progetto dei parigini. Ecco le parole riportate da Tuttomercatoweb.com:

“La sfida e il progetto sportivo per me hanno pesato, voglio vincere come vuole vincere questo club. Siamo sulla stessa lunghezza d’onda. Ho parlato con lo staff, con la dirigenza e mi è piaciuto il loro discorso, la loro sete di vittoria”.

La scelta del PSG: “Non so perché il club mi abbia scelto ma voglio ancora vincere, voglio aiutare questa squadra e amo il suo spirito. Non vengo per dimostrare di aver vinto 4 Champions ma per vincerne altre”.

Sull’ingaggio: “No, lo stipendio non contava. La cosa più importante era la durata del contratto per avere una vera continuità sportiva. Poter lavorare per due anni in un ambiente del genere è per me una vera opportunità. Voglio vincere, avere un vero progetto sportivo e stare tranquillo”.

La cultura spagnola verso i calciatori: “Abbiamo un problema come Paese, la filosofia non cambia. Vedo la Premier, vedo Bonucci e Chiellini che sono eroi in Italia. Dobbiamo far sì che le persone ammirino coloro che trionfano qui. L’ammirazione che proviamo con gli stranieri ci manca con i nostri. È triste, ma è la realtà. Non solo io l’ho sofferto, ma anche altri giocatori hanno sofferto. Quando abbiamo le stelle qui non le valorizziamo. Dobbiamo ammirare di più le persone e invidiarle di meno”.

Alle domande su Kylian Mbappé: “Non oso mai dire cosa dovrebbe fare qualcuno, per mia esperienza potrei dargli un consiglio in privato. Vorrei che continuasse al PSG perché mi piace giocare con i migliori. La decisione di restare o andarsene è molto personale. Non so cosa abbia in mente Kylian ma lui fa la differenza, è molto giovane, c’è un’ottima squadra qui e ha bisogno di grandi giocatori. Posso contribuire con il mio spirito vincente e se riesco a contagiarlo, sarà un successo”.

Sulla sua condizione fisica: “Sto bene, voglio giocare. Sono stato in grado di recuperare e prepararmi quest’estate. La competizione? Credo che nessuno sia titolare indiscusso: la competizione ci rende tutti migliori ed è il campo che deciderà chi è più bravo. La stagione è lunga, avremo tutti spazio”.

Su Pochettino: “Stiamo parlando da un mese. I consigli e le argomentazioni dell’allenatore contano nella mia scelta. Mi è piaciuto il suo modo di approcciarsi al calcio e come carica i suoi giocatori”.

(Foto: sito ufficiale PSG)

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email