AL DIAVOLO I VOTI – Milan-Benevento 2-0

Milan News Rubrica
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Nel corso della trentaquattresima giornata di campionato, in attesa del necessario cambio di rotta il Milan sfida un Benevento in lotta per la salvezza.

La gara di questa sera vede contrapporsi due società che, per motivi diversi, sono alla ricerca di punti necessari al raggiungimento degli obiettivi stagionali.

Il Milan parte subito bene, infatti al quinto minuto Calhanoglu conclude una splendida azione rossonera portando il risultato sull’1-0.

La prima frazione di gioco si conclude coi rossoneri  vantaggio. È il Milan a procurarsi le migliori occasioni da rete. Da segnalare un Benevento comunque in partita.

Al minuto 61 il Milan trova il raddoppio con Theo Hernandez che conclude un’azione con un tapin a portiere battuto.

La partita si chiude sul risultato di 2-0, con il Milan che ritrova i tre punti in una serata fondamentale. La partita ha dimostrato una netta superiorità dei padroni di casa che, senza un Montipò sensazionale, avrebbero potuto dilagare.

MILAN

Donnarumma, voto 6: Impegnato molto poco, riesce nell’intento di mantenere, dopo diverse giornate, la porta inviolata.

Tomori, voto 6: La sua velocità è sicuramente un’arma in più per la retroguardia rossonera. Partita molto concreta anche se stilisticamente ancora da migliorare.

Dalot, voto 5.5: bene in fase di spinta, qualche disattenzione di troppo in copertura. Perde totalmente la marcatura di Lapadula nell’occasione più importante per il Benevento nel corso del primo tempo.

Romagnoli, voto 6: Partita ordinata per il capitano rossonero. Ottimo senso della posizione, riesce a tenere il ritmo di gioco per tutti i novanta minuti, pur tornando da un lungo infortunio.

Hernandez, voto 7: Il povero Theo, questa sera, più che all’interno di un campo di calcio sembra essere all’interno di un ring. Incassa una serie infinita di colpi, riuscendo comunque ad esprimere le sue giocate. Nel secondo tempo trova il goal del meritato raddoppio (dal 74’st Calabria s.v.).

Bennacer, voto 6.5: Buona la sua interpretazione della gara, parte leggermente sottotono per poi crescere nel corso dell’incontro. Ammonito a metà del primo tempo, Pioli lo sostituisce in via precauzionale (Dal 46’st Tonali, voto 6: Entra molto bene in partita con voglia e concentrazione).

Kessie, voto 6.5: Finalmente si rivede il centrocampista in grado di sovrastare gli avversari grazie alla sua prestanza fisica. Diverse discese palla al piede ed il suo velo in occasione del primo goal del Milan è da manuale del calcio.

Saelemaekers, voto 6.5: Suo l’assist per il goal di Calhanoglu. Come sempre, partita di grande sacrificio, nella quale viene costretto a sopperire a qualche lacuna difensiva sulla sua fascia (Dall’74 st Rebic,  s.v.).

Calhanoglu, voto 8: Serata di grande ispirazione per il numero 10 turco. Lo si vede chiedere palla ai compagni da ogni parte del campo. Le sue giocate risulteranno mai banali. Ciliegina sulla torta un bellissimo goal a inizio partita. Migliore in campo, cala di ritmo nella ripresa (dal 86′ st Diaz s.v.).

Leao, voto 5.5: Meglio la fase difensiva di quella offensiva, chiude bene gli spazi aiutando molto la linea di difesa. Qualche errore di troppo nelle ripartenze palle al piede e sotto porta (dal 74’st Castillejos.v.).

Ibrahimovic, voto 7: Solo un grande Montipò gli nega la gioia del goal questa sera. Sempre nel vivo del gioco rossonero, sembra possedere una sorta di calamita per palloni attraendoli tutti ai suoi piedi.

Pioli, voto 6: Molto bene l’approccio della squadra alla gara. Corretta la scelta di togliere Bennacer a inizio secondo tempo e di preservare i diffidati per il prossimo match.

BENEVENTO

Il Benevento guidato da Inzaghi è apparso una squadra in difficoltà. Le buone individualità non sono bastate questa sera ed il percorso per i sanniti si complica ulteriormente. Un plauso ad una squadra che prova generosamente a giocarsi sempre la partita.

Montipò: voto 8.5; Depaoli: voto 6; Glik: voto 6; Caldirola: voto 6; Barba: voto 6; Dabo: voto 5; Viola: voto 6; Ionita: voto 5.5; Improta: voto 6; Iago Falque: voto 5; Lapadula: voto 5.

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter