Verona – Juventus, le pagelle motivate

Calciomercato
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

PAGELLE VERONA – JUVENTUS

VERONA:

Silvestri, voto 6,5: Para tutto quello che c’è da parare ed è sicuro nelle uscite. Nulla può sul gol di Ronaldo.

Rrahmani, voto 6,5: Gioca nel complesso una buona gara nonostante dalle sue parti si aggiri un portoghese abbastanza ispirato.

Gunter, voto 6: Perde i duelli in velocità, ma si riscatta sulle palle alte.

Kumbulla, voto 7,5: Il gol annullato per fuorigioco millimetrico sarebbe stata la ciliegina sulla torta di una partita sontuosa. Autentico muro difensivo è protagonista anche nell’azione del rigore: il suo colpo di testa è deviato di mano da Bonucci prima di fermarsi sulla traversa.

Faraoni, voto 7: Avvelenato  sulla fascia destra. Corre, spinge e difende con la stessa intensità.

Veloso, voto 6,5: Il regista del verona fa girare veloce il pallone rendendo fluido il gioco offensivo. Dal 58′ Verre, voto 6,5: Tanta corsa utile a dare continuità al moto perpetuo degli scaligeri.

Amrabat, voto 7: Rompe il gioco avversario facendo ripartire spesso i suoi. Domina il centrocampo a livello fisico.

Lazovic, voto 6,5: Meno arrembante di Faraoni, ma più diligente ed ordinato. Gioca nel complesso un match più che sufficiente. Dal 79′ Dimarco, senza voto.

Pessina, voto 6,5: Un po’ impreciso nelle conclusioni, ma è il faro della manovra offensiva del Verona.

Borini, voto 7,5: Segna il gol del pareggio al minuto 76′. Nel complesso è il più pericoloso in avanti e quello con la gamba migliore.

Zaccagno, voto 6: Si sacrifica giocando da prima punta per aprire spazi a Borini e alle mezzale.Dal 69′ Pazzini, voto 7: Entra sullo 0-1 ed esce da vincitore. Suo il gol su rigore che decide la partita.

All. Juric, voto 8: Il suo Verona dimostra ancora una volta di giocare un gran calcio. I veneti sono sempre propositivi e non rinunciano mai a giocare ka gara a viso aperto.

PAGELLE VERONA – JUVENTUS

JUVENTUS:

Szczesny, voto 6: Incolpevole sui due gol del Verona, per il resto fa il suo con la consueta sicurezza.

Cuadrado, voto 5,5: Corre molto e gioca tanti palloni. Il problema è che ne sbaglia altrettanti.

de Ligt, voto 6: Ha vita facile sulle palle alte, data la non eccelsa statura degli attaccanti avversari. Soffre di più quando viene puntato in velocità da Borini e Pessina.

Bonucci, voto 5: Diversi errori in uscita ed in impostazione. Sua la leggerezza che causa il rigore del definitivo 2-1.

Alex Sandro voto 5: Faraoni lo fa letteralmente impazzire. Perde il duello sia in fase di spinta che in quella di contenimento.

Bentancur, voto 5,5: Come i compagni soffre il grande dinaminsmo dei centrocampisti gialloblu. Dall’82’ De Sciglio, senza voto.

Pjanic, voto 5: Non ha il passo dei giorni migliori e la squadra ne risente in termini di qualità di gioco. Troppo compassato e falloso.

Rabiot, voto 6: Certamente il più positivo lì in mezzo. Compie diverse giocate di qualità, ma non è continuo nell’arco dei 90 minuti.

Douglas Costa, voto 6,5: Le sue accelerazioni creano diversi grattacapi alla retroguardia avversaria. In una di queste colpisce la traversa con un gran tiro dal limite. Dal 72′, Ramsey, voto 5,5: Non incide sull’inerzia del match.

Higuain, voto 5: Non timbra il cartellino e nel complesso della partita non è nemmeno particolarmente pericoloso. Dal 59′ Dybala, voto 5,5: Parte bene con un paio di dribling dei suoi. Poi si scioglie al cospetto di un grande Verona.

Ronaldo, voto 7: Di gran lunga il migliore della Juventus. Va a segno per la decima partita consecutiva con una grande prodezza. Nel primo tempo lo fermano solo il palo ed un pizzico di sfortuna.

All. Sarri, voto 5: Di questi tempi latitano sia il bel gioco che i risultati. La sua Juve necessita di una scossa.