Lepore, ex capo della Procura di Napoli: “Juventus in B grazie a me”

Juventus Napoli News Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

Giandomenico Lepore, ex capo della Procura di Napoli, ha rilasciato alcune dichiarazioni che faranno sicuramente discutere. Intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo Lepore è tornato alla questione Calciopoli: “Vanto un merito, consapevole o inconsapevole, volente o nolente, quello di aver mandato la Juventus in Serie BVolevamo rifondare il calcio corrotto. Quell’indagine doveva colpire tutte le squadre, compresa il Napoli che poteva essere coinvolto, la seconda squadra che doveva essere esaminata l’Inter, ma L’Espresso pubblicò le intercettazioni ed i telefoni iniziarono a tacere, fu un modo di fermare, volevano evitare che si indagasse su tutto il calcio. Volevamo cambiare il calcio, ci bloccarono. Avevamo trovato il modo di rifondare il calcio. Se avessimo fatto 10 anni di intercettazione e non 2, forse la Juve si sarebbe vista revocata altrettanti scudetti“.

Infine un parere sul caos tra Juve e Napoli, partita non disputata a causa della mancata presenza dei partenopei: “Il protocollo Figc mi sembra esagerato e sbagliato, ma questo stesso protocollo ha una clausola dove parla di interventi di autorità statali e locali. Allora, se la Asl di Napoli è intervenuta, di fatto, dovrebbe essere automatico il rinvio per la prevalenza del provvedimento della salute pubblica sul protocollo”. E ancora: “La Juventus, se c’era come presidente Gianni Agnelli, non avrebbe perso l’occasione di accordarsi per il rinvio della gara. Salvaguardava anche gli interessi della Juventus stessa: ha ragione il presidente De Luca, perché salvaguardava la stessa Juventus. 3-0 a tavolino? Se il Napoli fa ricorso, ovviamente vince. C’è ancora tanto da fare per pulire il calcio italiano” ha chiosato Lepore.

Print Friendly, PDF & Email