Roma, Mourinho critica: “La Lazio sabato ha vinto con un goal in fuorigioco”

Lazio News Roma Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

L’allenatore della Roma, Josè Mourinho, dopo il pari ottenuto allo Stadio Olimpico contro il Bologna, ha rilasciato alcune dichiarazioni in conferenza stampa, aprendo anche una piccola parentesi sulla rete dubbia di Francesco Acerbi con lo Spezia. Queste le parole del tecnico giallorosso raccolte da TMW.

Sull’analisi della partita
“Partita povera, entrambe le squadre. La squadra che voleva vincere non ha avuto la qualità sufficiente per vincere, la squadra che non voleva vincere ha fatto il suo. La terza squadra non si è mai preoccupata della qualità della partita”

Come nasce l’idea di Zaniolo centravanti?
“La storia è sempre la stessa: io alleno da 22 anni e non cambio. Ci sono tanti cambi nel calcio, però voi non cambiate mai. Dopo la partita c’è un risultato e le domande dipendono dal risultato. L’altra cosa che non è cambiata è che 22 anni fa potevi vincere con un gol in fuorigioco, dopo 22 anni puoi ancora vincere con un gol in fuorigioco perché ieri questo è successo. Se avessi messo in campo i giocatori che sono scesi giovedì oggi la critica è che non avrei fatto riposare la squadra. Poter vincere con un gol in fuorigioco nemmeno è cambiato, questo è per me una cosa con qualche significato. Capisco la tua domanda, ma non voglio entrare nella profondità di quello che analizziamo. I giocatori che sono entrati negli ultimi trenta minuti non hanno fatto grande differenza. Poi non erano 30 minuti, ma 15 minuti”.

Quando lei andò via dall’Italia parlò di prostituzione intellettuale, è ancora così?
“Dire che oggi esiste prostituzione intellettuale per la stampa italiana, è sbagliato. Siete migliorati. A parte qualche fenomeno c’è una stampa seria, critica. Non vedo questa prostituzione intellettuale. Se voi volete nascondere che ieri una squadra ha vinto con un gol in fuorigioco nel 2022 allora dovete farmi nuovamente questa domanda”.

Dopo un girone dalla gara d’andata con il Bologna, il ragazzo è ancora maltrattato dagli arbitri?
“Non capisco perché fai questa domanda. L’atteggiamento di Zaniolo è cambiato. Non è cambiato l’atteggiamento degli arbitri con lui. Nicolò è consapevole di essere un bersaglio. Non prende cartellini gialli per proteste, ma gli arbitri sono sempre uguali con lui”.

(Foto: canali ufficiali Roma)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email