Caso Suarez, il ‘Pistolero’ aveva firmato un contratto preliminare con la Juventus

Juventus News Prima Pagina
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

L’esame farsa sostenuto all’Università degli Stranieri di Perugia da Luis Suarez, continua a far discutere in seguito alle evoluzioni dell’inchiesta coordinata dal PM Cantone. La Procura dopo aver ascoltato il calciatore, assistito dal suo legale – manager, ha acquisito nuovi elementi interessanti per far luce a questa inchiesta che sta suscitando non poco scalpore.

Secondo quanto riportato dal Corriere dell’Umbria, Suarez oltre ad aver ammesso di aver ricevuto le risposte al test in anticipo, sarebbe stato avvertito due giorni prima della prova dalla Juventus che dell’acquisto non se ne sarebbe fatto più nulla nonostante, il 28-29 agosto avesse firmato un contratto preliminare col club bianconero.

Nella ricostruzione, riportata da Tuttonapoli.net, il quotidiano spiega che di fronte agli inquirenti il Pistolero ha fatto sapere che il 14 settembre successivo invece Fabio Paratici, attraverso una telefonata, gli avrebbe invece chiuso le porte della Juventus (l’esame sarebbe stato sostenuto poi il 17 settembre, pochi giorni dopo).

C’è ancora da capire definitivamente il ruolo della Juventus in questa triste vicenda. Le indagini proseguono senza sosta e presto capiremo i capi di accusa definitivi e gli eventuali risvolti in ambito di giustizia sportiva qualora ci fosse responsabilità anche da parte del club bianconero.

 

 

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email