#CORONAVIRUS – Presidente Sion: “Nel calcio il virus sguazza! Ricordate Atalanta-Valencia?”

Calciomercato
Condividi
Tempo di lettura: < 1 minuto

Christian Constantin pienamente contro una possibile ripresa dei campionati. Il presidente del Sion, prima categoria svizzera, è intervenuto tra le pagine del Corriere del Ticino per parlare della questione: “Non possiamo vivere senza pubblico, è chiaro.”, dice, come riportato da TMW: “Ma il punto è proprio questo: il calcio, pensateci, favorisce il contagio. In campo e sugli spalti. I giocatori non possono evitare i contatti, sudano, sputano. In tribuna la gente è ammassata. Il virus ci sguazza. Ricordate Atalanta-Valencia in Champions? Bastò quella singola partita per mettere in ginocchio Bergamo. Se non possiamo garantire la sicurezza di giocatori e spettatori, se non infondiamo fiducia, il calcio non potrà mai ripartire. E le porte chiuse, lo ribadisco, sono la fine di questo sport. Non c’è emozione”.

Sul licenziamento dei giocatori che non avevano accettato il lavoro ridotto: “In realtà, ho lanciato un segnale. Il lavoro ridotto, al momento di quella decisione, non era ancora stato approvato per i contratti a tempo determinato. Il mio punto era: cara Confederazione, se non includi questa categoria di lavoratori ti ritroverai presto con molti disoccupati in più. Perché una cosa deve essere chiara: senza partite noi non possiamo garantire i salari. Di più, senza il lavoro ridotto il calcio svizzero sarebbe già morto”