Fifa – E’ guerra aperta agli agenti

Condividi

E’ guerra aperta tra gli agenti dei calciatori e la Fifa. Nocciolo della questione? Le commissioni elargite agli agenti sugli acquisti dei propri clienti. Da una parte la federcalcio mondiale che vorrebbe mettere un tetto del 3% alle commissioni dei procuratori, dall’altra 4 dei più potenti agenti al mondo: Jorge Mendes, Mino Raiola, Jonathan Barnett e David Manasseh. Secondo il Corriere della Sera, i 4 super procuratori avrebbero fatto squadra incontrandosi a cena a Londra per dare battaglia. Ora però il fronte anti-fifa sarebbe in espansione: si sarebbero unite, infatti, anche due associazioni di agenti.

Il tutto potrebbe tramutarsi in una vera e propria causa legale alla Fifa. La Faf, la società costituita da Raiola e gli altri tre, ha inviato una lettera dai toni molto duri ai vertici del calcio mondiale: “Molte delle proposte che la Fifa ha suggerito sono altamente controverse, inaccettabili per gli agenti e illegali sotto molti aspetti”. Lo scontro è apertissimo. La Fifa di Infantino non intende fare dietrofront. Alla base di questa decisione ci sarebbero, appunto, le esorbitanti spese in commissioni che nel 2019 hanno raggiunto la quota choc di un miliardo di dollari.