L’Inter non si ferma ad Hakimi. Da Alaba a Thiago fino al sogno Sancho

Condividi

Il colpo Hakimi, sparato così nel buio, ha spaventato un po’ tutti. L’Inter fa sul serio, si è mossa, continua a farlo a fari spenti e punta a chiudere il gap con la Juventus. Sistemata la fascia destra con l’acquisto del laterale del Borussia Dortmund, Marotta e Ausilio stanno aprendo sul tavolo le carte a loro disposizione.

Sono molti i nodi da sciogliere in casa nerazzurra. Il primo riguarda Lautaro Martinez: il toro ha mercato, il Barcellona lo vuole e l’inter chiede molti soldi, attorno ai 100 milioni per la precisione. La valutazione è molto alta ma è giusta per un giocatore con un margine cosi ampio di crescita e un contratto ancora lungo. Precisiamo subito che i nerazzurri non vogliono venderlo a tutti i costi ma si rendono conto che a quella cifra è un affare irrinunciabile. Quindi ci sono due vie per il mercato dell’Inter: una se si vende Lautaro, una se resta.

Le due strade

Se dovesse restare Martinez si punterebbe forte sulla fascia sinistra. C’è un buco da chiudere, uno specialista da comprare. Il nome che più stizzica la catena di comando nerazzurra è quello di Alaba, 28 anni, del Bayern Monaco. La scadenza del contratto nel 2021 e la lunga militanza nei rossi di baviera potrebbero favorire la sua voglia di una nuova avventura. Come abbiamo già scritto, prima della pandemia che ha fermato l’Europa, Marotta e Zanetti si sono incontrati a cena con Kalle Rumenigge. Per parlare di Perisic, la data del suo riscatto è stata prorogata e il giocatore oggi ha firmato l’estensione di due mesi tagliandosi lo stipendio, ma anche per capire che nomi sarebbero potuti entrare in una trattativa tra i due club. A quanto ci risulta i nomi sul tavolo sono due: David Alaba e Thiago Alcantara. Nell’incastro con i bavaresi ballano i 15 milioni del riscatto che i nerazzurri dovrebbe avere, sommati ai 5 già versati lo scorso anno. Con un’aggiunta di 15-20 milioni ecco che il gioco sarebbe fatto, uno dei due finirebbe nella rosa di Conte. Numericamente forse servirebbe più Alaba ma le idee di Conte sul centrocampo passano anche dal riscatto non ancora certificato di Sensi. Sono 20 i milioni da pagare al Sassuolo che si aggiungono ai 25 da dare al Cagliari come seconda rata di Barella. Numericamente Thiago Alcantara andrebbe a prendere il posto di Borja Valero in uscita.

L’idea Sancho

Se invece l’Inter cedesse alle lusinghe del Barcellona si aprirebbe una strada clamorosa che vi abbiamo svelato in esclusiva poche settimane fa. Un incontro a Londra tra dirigenti milanesi e l’entourage di Sancho per capire, sondare, informarsi. Trattativa con il Borussia Dortmund non c’è ma un apertura al trasferimento dell’inglese in Italia si.

Restano sullo sfondo le ipotesi Cavani, svincolato dal Psg e Dzeko. Le due figure sono però intrecciate tra loro e c’è bisogno di alcuni incastri per smuovere le acque. Conte continua a stimare il bosniaco ma se si ritrovasse il matador uruguaiano in rosa siamo certi che non si lamentarebbe.