I nostri Social

News

Como, tutto per un viaggio a Ibiza

Pubblicato

il

Fabregas
Tempo di lettura: 3 minuti

La scorsa settimana è arrivato un verdetto molto importante per la nostra Serie A. Infatti una delle protagoniste della prossima stagione sarà il Como di Cesc Fabregas, che dopo un estenuante duello con il Venezia è riuscito ad ottenere la promozione diretta nella massima serie complice la sconfitta dei lagunari contro lo Spezia.

Da Longo a Fabregas, con grande coraggio.

La città è in festa, ma questo straordinario risultato è non è il frutto di una stagione fortunata, c’è alle spalle un lavoro certosino partito da lontano, quando nel 2019 con l’arrivo della ricchissima famiglia indonesiana degli Hartono, che nelle persone di Robert e Michael hanno costruito passo dopo passo una società sana in grado di conquistare in pochissimi anni la massima serie.

Non era partita con i migliori auspici la stagione della squadra lombarda, nonostante in rosa possano vantare nomi importanti come Simone Verdi e Patrick Cutrone e nonostante un buon avvio di campionato con 21 punti in 13 giorante sotto la gestione di Moreno Longo, la società con grande coraggio cambia allenatore tra lo stupore di stampa e tifosi.

Pubblicità

La decisione fa storcere il naso, soprattutto perchè la panchina viene affidata al brillante, ma inesperto, Cesc Fabregas già tecnico della primavera ma mancante del patentino quindi affiancato dal tecnico gallese Osian Roberts.

La stagione trionfale

La squadra è forte e i due allenatori sembrano nati per collaborare, la fiducia aumenta e i risultati sembrano arrivare in maniera naturale. In campo, i lariani sembrano volare, grazie a un gioco arioso e perfetto per la categoria. Ai grandi nomi, arrivati sia in estate che nel calciomercato invernale, una volta chiare le reali intenzioni della squadra: la coppia d’attacco da Serie A formata da Verdi e Cutrone da  in cui ha trovato anche grande spazio Alessandro Gabrielloni, 9 reti quest’anno e in rosa, sin dall’ultima stagione in Serie D.

Una bandiera, acclamata a pari di capitan Alessandro Bellemo. A gennaio, ecco le importanti acquisizioni dell’esterno offensivo Gabriel Strefezza dal Lecce, del centrale difensivo Edoardo Goldaniga e, a metà campo, del giovane mediano austriaco classe 2002 Matthias Braunöder, arrivato a Como durante il calciomercato invernale in prestito dall’Austria Vienna. Ora, però, a Como, è esclusivamente il momento della festa.

Pubblicità

Una vera miniera d’oro

Magnati indonesiani partiti nel 1963 dall’industria del tabacco dopo aver ereditato dal padre la multinazionale Djarum, specializzata in produzione di sigarette aromatizzate.

Approfittano della crisi finanziaria del 1997 per acquisire a prezzo stracciato la Bank Central Asia e da qui partirà una serie infinita di investimenti in ogni settore, dall’edilizia ai servizi streaming, passando per catene di supermercati e case di produzioni cinematografiche, che portano i fratelli Hartono a diventare gli uomini più ricchi di Indonesia con un patrimonio complessivo di 50 miliardi di euro (circa 25 a teste) e tra i 100 più facoltosi al mondo (secondo Forbes oscillano tra il 61° e il 65° in assoluto).

Futuro roseo in Serie A…ma prima tutti ad Ibiza

Il cannoniere Patrick Cutrone ha postato su Instagram la foto con i suoi compagni in partenza per Ibiza. Il ritorno dovrebbe essere previsto già domani.

Pubblicità

L’allenatore Cesc Fabregas lo aveva promesso il 10 maggio scorso, negli spogliatoi durante i festeggiamenti per il ritorno in serie A del Como dopo oltre 20 anni. «Volete andate a Ibiza? E allora tutti a Ibiza, pago io», aveva detto il campione spagnolo ai giocatori in festa al Sinigaglia. Detto e fatto. Una settimana dopo, il 17 maggio, la squadra è volata alle Baleari per celebrare la promozione.

Le foto dei giocatori del Como a Ibiza invadono i social«Grazie Cesc », si legge sotto l’immagine della squadra sorridente davanti all’aereo. Valigia con il logo del club e tanta voglia di divertirsi per i giocatori, liberi da ogni impegno sportivo dopo la fine del campionato, ma con i calciatori pronti a tutto per rimanere attaccati al sogno conquistato della Serie A.

(Foto: Depositphotos)

Pubblicità

in evidenza