I nostri Social

Calciomercato

Top 11 – Ecco i migliori undici della quarta giornata

Pubblicato

il

Tempo di lettura: 4 minuti

Primo turno infrasettimanale conclusosi ieri con la doppia sfida Atalanta Torino e Bologna Salernitana, che hanno chiuso un turno infrasettimanale denso di impegni e di grandi sorprese.

Su tutte l’amaro pareggio del Napoli in casa contro il Lecce, che ha bloccato la marcia degli azzurri cominciando a dissipare i primi dubbi in casa partenopea, e il pareggio nel primo anticipo del martedì tra il Sassuolo che ha guadagnato un preziosissimo punto contro il Milan. Si confermano invece la Roma, Juventus e Inter che regolano rispettivamente Monza, Spezia e Cremonese e si lanciano nelle prime posizioni della classifica.

Andiamo insieme a vedere gli undici migliori giocatori di questo primo turno infrasettimanale della giornata:

Pubblicità

PORTIERE

Alex Meret (Napoli) – Risale in sella al Napoli, il giovane portiere partenopeo ha vissuto gli ultimi mesi con la valigia in mano. Prima sembrava che Kepa dovesse prendere il suo posto, poi sembrava imminente l’arrivo di Kaylor Navas, ma alla fine contro il Lecce tra i pali c’era lui che ha fornito una buona prestazione condita da un rigore parato, che ha un valore molto alto sia per il suo prosieguo in maglia azzurra, sia nell’economia di un match che sorprendentemente poteva finire male per la compagine di Luciano Spalletti.

DIFENSORI 

Pubblicità

Federico Baschirotto (Lecce) – I pugliesi del Lecce arrivano al Maradona e contro ogni pronostico ottengono un pareggio che poteva essere addirittura qualcosa in più se non avessero trovato sulla loro strada Alex Meret. Victor Osimhen ha vissuto una serata molto particolare in quanto l’allenatore del Lecce Marco Baroni, ha pensato bene di piazzargli addosso un giovanotto venticinquenne pronto a seguirlo anche negli spogliatoi dello stadio e a marcarlo anche nel riscaldamento pre partita, con l’obbiettivo di prevedere e neutralizzare ogni sua mossa. Federico Baschirotto ha spento la luce dell’attacco del Napoli, spegnendo sul nascere la stella Osimhen.

Gian Marco Ferrari (Sassuolo) – Il difensore italiano è sempre più una sicurezza per Alessio Dionisi, nella partita contro il Milan Ferrari ha fato prova di grandissima affidabilità e senso della posizione. Annullato Giroud, neutralizzato Leao il capitano degli emiliani ha contribuito in modo significativo all’ottimo pareggio ottenuto della sua squadra contro i Campioni d’Italia.

Josh Doig (Verona) – Piacevole sorpresa in casa Verona al centro della difesa di Cioffi. Il ventenne difensore scozzese Josh Doig ha fornito una prova davvero di spessore, nonostante la sua giovane età ha dimostrato grande sicurezza puntualità e grande pulizia di contrasto che hanno evitato alla squadra scaligera di subire altri gol contro l’Empoli

Pubblicità

Roger Ibanez (Roma) – La Roma ha trovato in Roger Ibanez una grande alternativa alla coppia Mancini – Smalling. Il difensore è uno dei pupilli di Josè Mourinho che spesso lo chiama in causa, venendo ripagato con grandi prestazioni condite in alcuni casi da qualche gol. E’ lui uno dei migliori in campo tra i giallorossi nella vittoriosa partita contro il Monza dell’Olimpico, con un gol segnato e tanti interventi positivi.

CENTROCAMPO

Teun Koopmainers (Atalanta) – Perso uno dei storici perni del centrocampo di Gasperini ovvero Remo Freuler, l’Atalanta ha trovato una nuova stella su cui costruire un nuovo ciclo ricco di soddisfazioni. L’olandese Teun Koopmainers sembra che sia da una vita in maglia neroazzurra non solo con i suoi quattro gol in due partite, ma anche per l’affidabilità e la qualità mostrata fino ad ora in tutte le sue apparizioni, senza dimenticare la sua grande duttilità tattica.

Pubblicità

Milinkovic-Savic (Lazio) – Il sergente è uomo fondamentale per le idee tattiche di Maurizio Sarri. Leader carismatico e tecnico Milinkovic Savic è una delizia per gli occhi di tutti appassionati di pallone, sontuosa partita per lui con un assist meraviglioso di tacco per Ciro Immobile, che gode della sua immensa classe.

Lameck Banda (Lecce) – Il classe 2001 zambiano arriva al Maradona, come un ragazzino in un negozio di caramelle, senza sapere che in quella serata fornirà una delle migliori prestazioni della sua giovane carriera con la maglia del Lecce. Lameck Banda fa completamente ammattire la difesa del Napoli, che non riesce a prendere le misure ai suoi continui scatti che creano non pochi grattacapi a Di Lorenzo e compagni. Fa respirare i compagni portando molto spesso il pallone lontano dalle zone pericolose, alleggerendo la confusa pressione dei partenopei del secondo tempo

ATTACCO

Pubblicità

Pauolo Dybala (Roma) – Finalmente la stella argenitna restituisce con due reti tutto l’immenso amore che il popolo giallorosso gli ha riservato fin da quando ha messo piede nella capitale. Paulo Dybala ha dato saggio di tutto quello che sa fare con un pallone tra i piedi, dribbling, tiro grandi giocate per i compagni, che permettono ai giallorossi di ottenere il primato in classifica e lanciare la sfida alla Serie A.

Dusan Vlahovic (Juventus) – In attesa di recuperare Chiesa e Di Maria, Dusan Vlahovic ha deciso di guidare da solo la barca Juventus verso le zone alte della classifica. Il serbo ha già timbrato quattro volte il cartellino, e le ultime due segnature le ha marcate tirando due splendidi calci di punizione.

Ciro Immobile (Lazio) – Impossibile non inserire ancora una volta il cannoniere laziale Ciro Immobile, che sembra davver implacabile sotto porta. Anche contro la Sampdoria ha dimostrato di essere davvero in ottima forma, completando con il gol un azione da manuale che se non fosse stato per Gabbiadini, avrebbe condotto la Lazio ad un’altra grande vittoria.

Pubblicità

(Foto: LBDV)

 

 

Pubblicità

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

in evidenza