AL DIAVOLO I VOTI – Milan-Verona 1-1

Focus On Milan Prima Pagina SERIE A
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo i primi venti minuti preoccupanti per la formazione rossonera, si è vista un’altra partita nel resto della prima frazione di gioco. Una volta trovato il pareggio, il Milan ha avuto più di un’occasione per ribaltare il risultato.

Nel corso del secondo tempo, la partita è diventata un assedio alla porta veronese.

Restano molti rimpianti per le occasioni sprecate e per non aver saputo approfittare della superiorità numerica conquistata.

MILAN

Donnarumma, voto 6: impegnato molto poco, viene aiutato in più occasioni dai pali.

Musacchio, voto 6: attento ma non sempre impeccabile nelle chiusure difensive, lascia spesso troppo spazio all’attaccante avversario.

Calabria, voto 6: dopo un primo tempo totalmente da dimenticare, si rifà nella ripresa, entrando decisamente meglio in campo (dal 77′ st Saelemakers s.v.).

Romagnoli, voto 7: il capitano ormai sembra un veterano in campo. Sbaglia pochissimo ed esegue interventi da grande giocatore.

Hernandez, voto 6: Non del tutto incolpevole in occasione del goal del Verona. La sua spinta rimane sempre una costante nel gioco del Milan.

Kessie, voto 6: oggi impiegato solo in fase di interdizione, fa valere con continuità il proprio fisico.

Bonaventura, voto 6: sicuramente non ancora al meglio, fa il possibile rendendosi pericoloso in diverse situazioni (dal 63′ st Paquetà, voto 6: entra molto bene in partita inizialmente, per poi spegnersi un po’ nel corso della sua gara).

Castillejo, voto 6: Ha inciso sulla sua prestazione la differenza di fisicità rispetto all’avversario. Tanta corsa e tanta voglia hanno accompagnato la sua partita (dal 87′ st Maldini, s.v.).

Leao, voto 5.5: la sua partita è costituita da continui alti e bassi, momenti giocati con grande intensità e altri in cui sparisce dalla scena.

Rebic, voto 6.5: oggi il peso dell’attacco è stato totalmente sulle sue spalle, alcuni errori di troppo, sottomisura, ma nel complesso una buona gara.

Calhanoglu, voto 6: a causa della situazione di emergenza, viene schierato in una posizione inedita. Il suo goal su punizione rimette il Milan in carreggiata.

Pioli, voto 5.5: la situazione di emergenza obbliga una formazione atipica. Unico neo l’aver cambiato troppo poco nel secondo tempo.

 

VERONA

Silvestri, voto 6.5: molto attento il portiere del Verona che sventa molteplici occasioni rossonere.

Kumbulla, voto 6:  la sua fisicità ha sicuramente inciso sulla fascia sinistra.

Rrhamani, voto 5: spesso in difficoltà in occasione delle discese di Hernandez su quella fascia.

Gunter, voto 6: prestazione granitica per il centrale che fa valere le sue doti aeree sulle palle da fermo.

Faraoni, voto 6: le sue proiezioni offensive mettono in difficoltà la retroguardia avversaria. Buona la prestazione e suo il goal del provvisorio vantaggio.

Lazovic,voto 6: una velocità fuori dal comune lo ha reso una spina nel fianco per la difesa del Milan.

Amrabat, voto 6: la sua partita finisce prematuramente a causa di un bruttissimo fallo su Castillejo. Fino a quel momento, tra i migliori in campo.

Veloso, voto 5.5: una prestazione che non lascia il segno quella del centrocampista spagnolo.

Zaccagni, voto 6: tantissima corsa e ottimo assist in occasione del goal.

Pessina, voto 6: buonissima gara giocata in sintonia coi suoi colleghi di reparto.

Verre, voto 6.5: gioca fuori posizione, ma con grande piglio e volontà riesce a mettere in difficoltà la retroguardia rossonera (dal 70′ st Borini s.v.). 

Juric,voto 6.5: mette in campo una corazzata senza attaccanti ma con un peso offensivo notevole.

Print Friendly, PDF & Email