tre cose su

Tre cose su Bologna-Napoli

Napoli Rubrica SERIE A
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

E’ passata la nottata. Dal Bologna al Bologna. Tre mesi, più meno, tanto è durata, e si spera, la nottata del Napoli. La sera del 28 ottobre scorso al «Maradona», era un giovedì, gli uomini di Spalletti si liberavano facilmente dei rossoblù (3-0 con Ruiz e doppio Insigne) conseguendo il decimo risultato utile consecutivo in campionato: 9 vittorie ed un pareggio. Poi i problemi, con i tanti infortuni e quindi il Covid, la sfortuna (sì, ricordate le partite con Empoli e Spezia) e la Coppa d’Africa. Ieri sera a Bologna il Napoli ha però, finalmente, riabbracciato un po’ di compagni di viaggio di quella splendida cavalcata d’autunno (tutti assieme in distinta Osimhen, Fabian Ruiz, Zielinski, Politano, Mario Rui, Lozano e Meret non li si vedeva da parecchio) ritrovando anche una certa continuità perché anche tre risultati utili consecutivi (un pareggio a Torino e due vittorie) un mese sembravano un miraggio. Si aspetta adesso l’impegno casalingo con la Salernitana, quando serviranno altre conferme, e poi ancora i ritorni di Insigne, Anguissa, Ounas e Koulibaly. A febbraio ci sono gli esami di maturità.

Un centrocampo di lusso. Tanta classe, precisione nei passaggi, avversari portati a spasso, un assist vincente per Lozano ed un sinistro a giro stampatosi sul palo. Il repertorio, quasi completo, di Fabian Ruiz. Lo spagnolo è tornato e si è ripreso già il centrocampo del Napoli. Con lui, finalmente, anche Zielinski e poi Lobotka che intanto, mentre gli spogliatoi del Napoli si svuotavano e per andare in campo serviva la conta, si è caricato la squadra sulle spalle. Perché in queste ultime settimane di problemi ed infortuni, il centrocampo – almeno fino a novembre – più forte della serie A ha scoperto un ottimo regista. Un uomo in più, un acquisto non previsto, che Spalletti adesso dovrà gestire quando al ritorno di Anguissa e visto anche il pieno recupero di Demme la linea centrale sarà un bel po’ affollata. Un problema che farà felice il mister azzurro, visti i tempi bui appena passati.

Messico. Sorride Lozano e sorride tutto il Napoli per una doppietta che vale tanto. Infortunato, contestato, contagiato, squalificato, il messicano ha passato delle brutte settimane ed in verità ci ha messo anche tanto di suo. Le dichiarazioni sul futuro e il cartellino rosso in Coppa Italia erano facilmente evitabili per uno che sa andare via in dribbling come lui. La prestazione di ieri deve, adesso, cancellare tutto. Chucky sarà fondamentale da oggi in avanti per il Napoli e lui ha ancora tanto da dimostrare. «Andale andale, arriba arriba»

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email