il punto sulla b

IL PUNTO SULLA B – Reggina da sogno, Caserta ai saluti

Focus On Htest Serie B
Condividi
Tempo di lettura: 4 minuti

Al termine della sesta giornata va sempre più a delinearsi la classifica di questa Serie B. Se da una parte vi è una Reggina che pare essere una macchina perfetta, dall’altra per Pisa e Como si prospettano settimane di cambiamenti interni, approfittando anche della sosta imminente. Infine menzione d’onore a Cheddira, il quale a suon di gol si prende la nazionale marocchina e la testa della classifica marcatori. Il riassunto di tutte le sfide del weekend:

BRESCIA-BENEVENTO 1-0

L’anticipo tra Brescia e Benevento regala un finale da favola per le rondinelle, le quali riescono a strappare in extremis i tre punti ai campani. Al Rigamonti sfida sporca e complicata, con la formazione di Clotet che trova il gol della vittoria al 93′ con Flavio Bianchi, ora miglior marcatore dei lombardi, il quale dopo la rete si getta in mezzo alla sua gente per festeggiare un gol che vale il primato in classifica alla leonessa. Notte sempre più fonda per i giallorossi, con Caserta che ora appare prossimo all’esonero.

FROSINONE-PALERMO 1-0

Era una gara molto sentita dalla tifoseria del Palermo, con i rosanero che però escono ancora una volta sconfitti dalla sfida contro il Frosinone. Finale playoff di qualche stagione addietro, la partita tra le due compagini non delude le aspettative, con il match che viene deciso dall’autogol di Buttaro al 44′ sul tiro del solito Moro. Continua l’ottimo avvio della squadra di Grosso, la quale va alla sosta a 3 punti dalla vetta. Delusione per i siciliani, che vedono i playout avvicinarsi sempre di più.

COMO-SPAL 3-3

Neanche nella sua miglior prestazione stagionale il Como riesce a trovare la vittoria. Dopo l’esonero di Gattuso, il club lombardo va subito sotto con la rete di Maistro, il quale all’8′ porta avanti la Spal. Il primo gol di Cutrone però pareggia i conti, con l’ex Milan che al 46′ trova la doppietta sull’assist di Fabregas. Moncini al 59′ riequilibra la sfida, ma Ioannou porta avanti i suoi al 72′. A zittire la festa del Sinigaglia è Esposito, il quale al 93′ trova un super gol che regala alla formazione ferrarese almeno un punto.

CAGLIARI-BARI 0-1

A decidere il big match del sabato pomeriggio è il solito Cheddira, il quale al 77′ la mette in rete, segnando la sua quinta marcatura stagionale e festeggiando così la prima convocazione con il Marocco. Tre punti fondamentali per il Bari in questo scontro diretto, con la formazione di Mignani che vola a meno tre dalla vetta, facendo sognare tutti i suoi tifosi.

REGGINA-CITTADELLA 3-0

L’inizio stagione della Reggina è a dir poco illegale. La formazione di Inzaghi stende 3-0 anche il Cittadella, prendendosi la vetta e potendo vantare il miglior attacco e la miglior difesa del campionato. Al Granillo la sblocca al 22′ Gagliolo, mentre il talentino Fabbian raddoppia al 58′. A chiudere la sfida è Gori, che all’88’ trova il gol del 3-0, garantendo alla squadra di Reggio Calabria il primato alla sosta.

SUDTIROL-COSENZA 1-1

Pierpaolo Bisoli torna contro la squadra che aveva condotto alla salvezza solo pochi mesi fa, con un risultato che non fa male a nessuna delle due compagini. Al Druso la sblocca il solito Rover, il quale al 22′ trova la terza rete stagionale. A pareggiare la gara è poi Kornvig, che al 77′ con un super gol permette ai suoi di portare a casa almeno un punto, in uno scontro diretto per la salvezza.

VENEZIA-PISA 1-1

Sempre più allo sbando il Pisa di Rolando Maran, il quale manca ancora una volta l’appuntamento con la vittoria. Al Penzo un gran gol di Novakovich porta avanti al 40′ i padroni di casi, che vengono poi riacciuffati al 44′ dalla rete di Gliozzi. Nella ripresa da segnalare solo l’espulsione di Ionita, con il club toscano che, sempre più sul fondo della classifica, pare pronto a separarsi dal tecnico ex Genoa, incapace di rialzare le prestazioni dei nerazzurri.

ASCOLI-PARMA 1-3

E’ dominio Parma al Del Duca, con l’Ascoli che viene travolto dalla formazione emiliana. A sbloccare la sfida è Tutino, il quale al 7′ trova la prima marcatura stagionale. Il solito Roberto Inglese, con il quarto centro della sua annata, raddoppia il vantaggio al 18′, mentre Mann la chiude al 66′. A segnare il gol della bandiera per i padroni di casa è Lungoyi, che al 79′ mette dentro la rete dell’1-3.

GENOA-MODENA 1-0

A trionfare nel posticipo del sabato è il Genoa, il quale batte 1-0 il Modena e resta nella scia delle altre contendenti alla promozione diretta. Al Ferraris è monologo rossoblù, con la rete di Jagiello al 44′ che decide la sfida, garantendo ai suoi i tre punti.

TERNANA-PERUGIA 1-0

Il derby umbro tra Ternana e Perugia vede le fere trionfare per 1-0 al Liberati. A decidere l’incontro è la rete di Partipilo al 47′, il quale su punizione sbuca alle spalle di tutti e mette in porta il pallone che vale i 3 punti alla formazione di casa. Trionfo importante che rialza il morale per la formazione di Lucarelli, mentre quella di Castori non riesce a rialzarsi dal suo momento di difficoltà.

Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitterTwitch

Print Friendly, PDF & Email