AL DIAVOLO I VOTI – Milan-Udinese 1-1

Milan News Rubrica Udinese
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Nel corso della venticinquesima giornata di campionato, il Milan sfida l’Udinese per non smettere di sognare.

I rossoneri, alla ricerca di conferme, si trovano ad affrontare una squadra ostica in un buon momento di forma.

Nella prima frazione di gioco, il Milan cerca di fare la partita ma l’Udinese si dimostra una formazione granitica che difende con tutti gli effettivi.

Partita poco entusiasmante e molto dura, con poche azioni realmente pericolose.

Il secondo tempo riprende con l’Udinese che al minuto 68 trova il goal del vantaggio grazie a Becao, sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

All’ultimo respiro del match, precisamente al minuto 95′, viene fischiato, a favore dei rossoneri, un calcio di rigore che porta il Milan ad un insperato pareggio.

La partita si chiude sul risultato di 1-1, un pareggio che pesa ulteriormente per l’assenza di gioco espresso. Questa partita ridimensiona inevitabilmente le ambizioni del Milan, che oramai probabilmente dovrà concentrarsi sul non perdere la posizione in classifica.

MILAN

Donnarumma, voto 4: Spettatore non pagante della serata. Nell’unica occasione in cui avrebbe dovuto parare, commette un grosso errore.

Kjaer, voto 6: Serata poco impegnativa dove comunque non perde mai la concentrazione ed il senso della posizione.

Kalulu, voto 5.5: tanto impegno per il giovane esterno rossonero che dimostra ancora importanti limiti soprattutto in fase di possesso palla (Dal 62’st Calabria: s.v.).

Romagnoli, voto 6: Prestazione in crescita rispetto alle ultime gare disputate. Salva sulla linea, ad inizio secondo tempo, un goal praticamente fatto, dimostrando ottimi riflessi e tenendo a galla la squadra.

Hernandez, voto 5: La disposizione in campo degli avversari non gli ha permesso di far valere la sua fisicità e la sua dinamicità. Serata da dimenticare in cui commette errori difensivi che potrebbero costare molto caro.

Tonali, voto 6.5: Finalmente si comincia ad intravedere una continuità di prestazione. Ottima gara disputata, con cambi di passo continui e recuperi a tutto campo. Purtroppo è costretto ad uscire al termine della prima frazione di gioco per problemi fisici (dal 46’st Meite, voto 6: Entra molto bene in partita rendendosi sin da subito molto pericoloso).

Kessie, voto 7: Buona prestazione incentrata prevalentemente sulla fase difensiva. Qualche sbavatura di troppo in fase di rifinitura non gli consente quegli standard qualitativi a cui ha abituato. Mezzo punto in più per aver trasformato in maniera glaciale un penalty al 95′.

Castillejo, voto 5.5: pur giocando un match di grande sacrificio, le sue prestazioni non convincono mai fino in fondo. Tende a soffrire la fisicità degli avversari (Dall 75’st Saelemaekers,  s.v.).

Diaz, voto 5.5: Poco nel vivo del gioco, la sua prestazione non accresce minimamente la qualità offensiva del gioco rossonero. Da un giocatore con le sue qualità ci si aspetta molto di più (dal 62’st Hauge s.v.).

Rebic, voto 5: Pessima prestazione del trequartista croato. Mai incisivo e spesso troppo lezioso, rende prevedibile qualsiasi velleità offensiva.

Leao, voto 4.5: Totalmente fuori partita, sembra non trovare mai il ritmo di gioco e la giusta posizione in campo. Il suo scarso impegno è ciò che un tifoso non vorrebbe mai vedere in campo da un giocatore.

Pioli, voto 5: Schiera dal primo minuto una formazione inedita e molto discutibile. La sua maggiore colpa è quella di perseverare con un modulo di gioco pur non avendo i giocatori idonei.

UDINESE

L’Udinese, guidata da Gotti, è apparsa una squadra in grande forma fisica. Dimostra di essere un gruppo senza particolari individualità di spicco, se non il solito De Paul, ma fortemente coeso.

Musso: voto 8; Becao: voto 6.5; Bonifazi: voto 6.5; Nuytink: voto 6.5; Molina: voto 6; Arslan: voto 6; De Paul: voto 6; Makengo: voto 5.5;Pereyra: voto 5; Zeegelar: voto 6; Nestorovski: voto 5.

Print Friendly, PDF & Email