ANGOLO FIORENTINA – Viola spuntata: mercato aiutaci

Angolo del tifoso Fiorentina Focus On
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Quindici punti in quindici partite. Questo il triste percorso della Fiorentina 20’/21′, eccezion fatta per la notte dei desideri disputata all’Allianz Stadium.

Prandelli conferma tutti gli interpreti della scorsa gara, col solo inserimento di Venuti al posto dello squalificato Biraghi.

Nei primi due minuti i viola si presentano due volte davanti a Da Costa, prima con Vlahovic, che calcia a lato di un palmo, poi con Monsieur Ribery, che ubriaca un paio di bolognesi sulla sinistra e calcia sul palo interno.

SEMBRA UNA SQUADRA VERA, SIMIL TORINO (…invece no)

Il Bologna ci mette un quarto d’ora per riorganizzarsi. Bastano un tiro di Orsolini ed un’incursione di Barrow per far intimidire gli uomini di Prandelli.

Da lì in avanti la squadra arretra di venti metri e non mette più il naso fuori.

Sul finire del primo tempo un “liscio” di capitan Pezzella, porge un assist al bacio per il sempre bravo Palacios. Dragowski non si spaventa e gli si para davanti col corpo. Minaccia sventata.

PRIMO TEMPO CON SPRAZZI VIOLA-ROSSOBLÙ

La ripresa è un lento scorrere delle lancette, dove le due squadre non graffiano. La paura di perdere prende sempre più il sopravvento e le compagini non si riprendono più.

Nel finale il tecnico viola indovina i cambi (lieta novità, ndr). Bonaventura e Kouamè, infatti, danno un po’ di vigore e per poco Castrovilli al 92′ non trova il gol che sarebbe valso GIOCO-PARTITA-INCONTRO.

La partita finisce con un altro mezzo passo falso della Fiorentina in casa con una diretta concorrente.

La sensazione forte è che senza un nuovo centravanti esperto ed un esterno alla El Shaarawy saranno mesi lunghi e dolorosi.

Ho fiducia in Prandelli: sa riconoscere i momenti. Oggi fare “legna” per provare a volare in primavera.

Un passo alla volta..

a cura di Marco Collini

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email