BRANCHINI

Branchini: “Douglas Costa? Difficile che il Bayern Monaco lo acquisti. Su Eriksen e Ronaldo…”

Cagliari Calciomercato Inter Juventus Torino Vetrina
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

Giovanni Branchini, noto procuratore e intermediario, ha parlato a TMW Radio di alcune operazioni che ha curato e dei temi caldi del calciomercato. Ecco le sue parole, riportate da TuttoMercatoWeb:

ERIKSEN – “Posso dire che molte volte i calciatori non riescono a ripetere in ambienti o realtà diverse le prestazioni che hanno dato loro prestigio. Un po’ come trasportare le viti da un terreno all’altro: non è detto che l’uva venga della stessa qualità. Dispiace perché è stato un investimento importante, che si poteva pure aspettare sei mesi a fare, senza esborsi di cartellino, specie oggi che i club non hanno tante risorse da dedicare al mercato”.

DE SCIGLIO – “Ha dovuto fare i conti col Covid anche lui. A Lione ci è arrivato a campionato iniziato, e purtroppo hanno avuto moltissimi positivi in squadra: questo ha rallentato l’inserimento che però è avvenuto, e bene. Il Lione è un’ottima squadra, l’abbiamo visto nella scorsa Champions, e i campionati così compressi avvicinano molto il rendimento delle varie realtà. Mattia si sta imponendo, sta bene ed è a disposizione del tecnico. Speriamo vada avanti così”.

DOUGLAS COSTA – “Non sta giocando molto. In questo momento viene da dire che sembrerebbe difficile, ma manca ancora tanto. Non voglio fare l’indovino, perché nello sport basta poco per cambiare il trend di un giocatore: ha qualità, ma negli ultimi anni è stato poco regolare, anche per via di infortuni. Il poco utilizzo fa pensare a una permanenza improbabile”.

Papu Gomez – “Alle cifre di cui sento parlare non penso ci sarà mercato. Qualche volta capitano questi incidenti di percorso, ed è un peccato: ha dato e ricevuto molto dall’Atalanta, ed è spiacevole che tutto si concluda così. Ma episodi e malintesi che rendono la convivenza difficile capitano. Non credo però che ci sarà questa asta o chissà che mercato: non dimentichiamo che non si tratta di un giovane che esplode ora, e che si affaccia adesso sul palcoscenico internazionale. Se qualche suo estimatore deciderà di fare una mossa del genere, allora sì, ma non credo alle cifre di cui sento parlare”.

OGBONNA – “Sono ormai un paio di stagioni che ha un rendimento molto alto, dopo aver risolto un problemino con cui conviveva da tempo grazie ad un intervento chirurgico. Può allenarsi molto meglio, con continuità, e con l’attuale allenatore Moyes ha trovato la titolarità assoluta, confermandosi ad ottimi livelli. La squadra ha fatto un salto di qualità grazie ad un paio di innesti, e trovato un rendimento molto buono. Anche quando ha perso, coi top club, non è mai stata messa sotto. Ora li vedo un po’ stanchi, e sono preoccupato per il Chelsea stasera. Per me è tra i migliori difensori italiani degli ultimi due anni, ed è un numero ristretto“.

MORATA – “Il campo dice ottima. C’è anche una componente emotiva, lui era molto contento di tornare in Italia e alla Juve: tutto questo ha un effetto positivo. Il suo rendimento è altissimo, e c’è da capire se è Morata ad essere migliorato molto o, purtroppo e come temo io, il livello del nostro calcio sia sceso molto. All’Atletico Madrid non era titolare, qui fa la differenza ogni volta che scenda in campo. Il nostro calcio è in crisi: se non lo si vuole dire per non depauperare il prodotto ok, ma tra noi serve capire che momento sia. Chi fa la differenza oggi un tempo era in Arabia o negli USA a svernare alla sua età”.

RONALDO – “L’ho sempre pensato, non cambio idea”.

PAVOLETTI – Qui le sue dichiarazioni sull’attaccante del Cagliari.

(Foto: sito TuttoMercatoWeb)

 Follow us!

FacebookFacebookYoutubeTwitter

Print Friendly, PDF & Email