TopVlad – La Top11 del quarto turno di Serie A

Bologna Cagliari Fiorentina Genoa Milan Napoli Roma Rubrica Sampdoria Sassuolo SERIE A Torino Udinese
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Il terzo turno di Serie A è terminato. Quarantuno gol segnati, con soli tre clean sheets (Samp, Verona e Genoa) e ben cinque doppiette.

Ecco la Top11 della settimana:

PORTA

Antonio MIRANTE – La Roma in difesa sta messa male e le difficoltà per lui sono sempre maggiori. Spesso si trova a dover fare gli straordinari per limitare i danni. Se i giallorossi hanno deciso di puntare su di lui, un motivo ci sarà. Mirante non perde mai l’occasione per dimostrarlo. SICURO.

DIFESA

Cristiano BIRAGHI – Gol, Assist e buona prestazione complessiva. Attacca benissimo ma deve migliorare in fase difensiva. Non ha colpe sui due gol subiti, tanti meriti sui due gol segnati. Si completerebbe se riuscisse a dare un maggiore apporto in fase di ripiego. IMPORTANTE.

Gabriele ZAPPA – La fascia destra del Cagliari ha trovato un proprietario. Prestazione di livello, primo tempo fenomenale. Il ragazzo si farà. YSO.

Tommaso AUGELLO – Un sabato in stato di grazia. Gol e assist contro una Lazio morta sotto tanti punti di vista. Sta bene e lo dimostra. La Sampdoria può fortemente puntare su di lui. (RI)NATO.

CENTROCAMPO

Fabian RUIZ – Chi ha dubitato di lui ha problemi col gioco del calcio. Fondamentale la vicinanza di Bakayoko: gioca con sicurezza nei propri mezzi, rischia con consapevolezza e non è mai banale nelle giocate.

Roberto SORIANO – È partito a razzo. Proprietario indiscusso di ogni manovra offensiva del Bologna. Tre gol e due assist nelle prime quattro di campionato. COMANDANTE.

Nahitan NANDEZ – Guardandolo giocare si dubita seriamente che abbia più di due polmoni. Sostanza, intelligenza, corsa, determinazione ed umiltà. ESPLOSIVO.

Rodrigo DE PAUL – In 90’ non dà una sola palla banale. Gioca sempre guardando alla migliore giocata possibile. Tocca palla come pochi giocatori in Serie A. ELEGANTE.

ATTACCO

Zlatan IBRAHIMOVIC – Doppietta nel derby a 39 anni suonati. Poche spiegazioni, solo un nome ed un cognome: Zlatan Ibrahimovic. KING.

Andrea BELOTTI – Solo contro tutti. Emoziona vederlo giocare. Altra doppietta, altra sconfitta. Eroico su ogni palla giocata, mai domo. Sfiora il pareggio e la personale tripletta con una rovesciata pazzesca. TORO.

Hirving LOZANO – Sta dimostrando a tutti coloro che lo criticavano chi è davvero Hirving Lozano. Dategli venti metri di campo e vedrete che se li mangerà palla al piede. FURIA.

TopVlad (3-4-3): Mirante; Zappa, Augello, Biraghi; Nandez, Ruiz, Soriano, De Paul; Lozano, BELOTTI, Ibrahimovic.

TopBonus: Perin/Ospina; Pezzella, Lovato, Samir; Bakayoko, Djuricic, Politano, Cigarini; Osimhen, Simeone, Dzeko.