FISCHIO D’INIZIO ROMA – Con la testa già rivolta al Siviglia

Condividi

La Roma si appresta a disputare questa sera alle ore 20:45, presso l’Allianz Stadium, l’ultima gara di Campionato contro la Juventus.

La partita sarà diretta dall’arbitro Rocchi, assistenti Schenone e Paganessi, IV uomo Orsato, al VAR Banti, AVAR Meli. 

Le due compagini entreranno in campo demotivate, avendo già raggiunto entrambi gli obiettivi prefissati.

La Juventus ha vinto il nono scudetto consecutivo e si ritiene, ovviamente, soddisfatta.

La Roma ha conquistato il quinto posto che vale l’accesso diretto all’Europa League nella prossima stagione, evitando così i preliminari.

In realtà l’obiettivo della squadra giallorossa, ad inizio stagione, era la qualificazione in Champions League. Ma una lunga serie di infortuni, subiti prima del lockdown, ha decisamente influito sul rendimento discontinuo del gruppo.

Nondimeno alcuni calciatori, in particolare Under e Kluivert, fondamentali nel 4-2-3-1, modulo tattico preferito da Mister Fonseca, hanno tradito le attese. Tanto da costringere il tecnico portoghese a cambiare modulo, passando al 3-4-2-1, difesa a tre con i due esterni bassi ad attaccare sulle fasce, due centrali a centrocampo e due trequartisti dietro la punta centrale.

La squadra ha risposto bene, ottenendo sei vittorie e un pari nelle ultime sette gare, ma il distacco dalle prime quattro era ormai diventato incolmabile e l’unico obiettivo raggiungibile è diventato il quinto posto.

Peraltro non è stato facile conquistare la quinta posizione in classifica battendo la concorrenza di un Milan trasformatosi alla ripresa del Campionato. La squadra di Pioli, che ha meritato la conferma sulla panchina rossonera, ha inanellato, infatti, una serie di dodici risultati utili consecutivi.

Ma torniamo alla sfida contro la “vecchia signora” ed alla probabile formazione che Mister Fonseca manderà in campo.

Tenuto conto che il match si è svuotato d’importanza, il tecnico portoghese, così come Sarri, ricorrerà ad un ampio turnover.

D’altronde è inevitabile che i due allenatori stiano già pensando agli imminenti incontri di Europa League e di Champions League che vedono rispettivamente impegnata la Roma, in gara secca, contro il Siviglia, e la Juventus contro il Lione, nella gara di ritorno.

Fonseca ha preannunciato alla vigilia che faranno il loro esordio i giovani Fuzato e Calafiori. Non ci saranno, sicuramente, Mancini che deve scontare una giornata di squalifica, e Pellegrini, operato di recente per la frattura del setto nasale.

Anche B. Peres e Spinazzola, usciti malconci dal campo nell’ultima gara contro il Torino, riposeranno per essere recuperati contro il Siviglia.

Anche Diawara, Cristante, Mkhitaryan e Dzeko non dovrebbero essere schierati, quantomeno dal primo minuto.

Veretout giocherà, visto che non può essere schierato in Coppa perché squalificato.

Zaniolo dovrebbe essere impiegato anche per valutare pienamente la sua attuale condizione fisica, considerato che finora ha giocato soltanto alcuni spezzoni di partita.

Smalling potrebbe essere della partita se la Roma non dovesse trovare un accordo con il Manchester United per il riscatto o, almeno, per estendere il prestito al match col Siviglia.

Ipotizziamo, quindi, gli undici che scenderanno in campo dal primo minuto.

Fuzato in porta. Cetin, Ibanez e Fazio i tre centrali difensivi. Sulle fasce laterali a destra Zappacosta o Santon e a sinistra Calafiori. Villar e Veretout i centrali di centrocampo. Zaniolo e Perotti dietro Kalinic in attacco.

Una formazione sperimentale per una gara equiparabile ad una amichevole.