FISCHIO D’INIZIO BOLOGNA – Il Bologna ricomincia dai piani alti

Focus On SERIE A
Condividi
Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo tre mesi di calcio non giocato, la Serie A finalmente riprende e con essa la passione ed il pathos di migliaia di tifosi. Abbiamo avuto un piccolo assaggio con la Coppa Italia, dove le due semifinali e la finale si sono giocate in pochi giorni. La sensazione è che tutte queste partite nel periodo estivo potranno essere vissute, dagli amanti del calcio, come un premio fantastico a chi ha saputo attendere.

Questa sera, alle 21.45, presso lo stadio Renato Dall’Ara si presenta la Juventus, la Signora squadra che da anni domina in Italia ed è fra le prime in Champions League.

La compagine di Sarri ha già disputato due partite nel nuovo scenario degli stadi vuoti e del protocollo da rispettare. Ma non è stato un esordio positivo, considerato che si è fatta beffare dal Napoli ai rigori nella finale di Coppa Italia.

Questa sconfitta della Juventus, per il Bologna rappresenta un segnale di assoluta certezza. La partita sarà ancora più impegnativa di quanto potesse essere già. I campioni d’Italia sono feriti nell’orgoglio e vorranno riprendersi quel credito che hanno lasciato all’Olimpico nella finale contro il Napoli.

Va bene così. Mihajlovic e i suoi ragazzi si esprimono meglio se l’arena prevede battaglia vera. Siamo certi che la squadra del Bologna non avrà neanche il tempo di adattarsi alla nuova realtà senza ultras e senza tifo.

La Juventus sarà feroce e veloce dal primo minuto. Vorrà subito dare prova della sua forza. Come fermare allora questa veemenza sportiva che probabilmente vedremo? Il Mister dovrà lavorare sulla motivazione e l’autostima del gruppo, come del resto fa sempre. Ma dovrà anche trasferire ai suoi ragazzi che se si vorrà fare qualcosa di speciale in questo mini torneo estivo bisognerà cogliere tutte le occasioni.

Chi sprecherà meno occasioni, chi sarà più organizzato nei novanta minuti di ogni singola partita, chi fisicamente starà meglio otterrà il massimo risultato da questo “torneo dei bar”. Così l’ha chiamato un ex difensore centrale del Bologna, Stefano Torrisi.

Questa simpatica etichetta dà il senso di come una squadra come quella di Mihajlovic deve affrontare questo sprint. Con impegno, intelligenza e grinta ma anche con quella leggerezza che si ritrova in queste competizioni estive di calcio giocato fra amici.

Ritrovare quello spirito  e quella voglia che è rimasta nei campetti di periferia dove all’orizzonte non ci sono vittorie di scudetti o qualificazioni europee.

Il Bologna ha chiaramente una caratura diversa rispetto alla grande Juventus. La minor qualità della rosa, la panchina più corta per eventuali cambi. La minor capacità di cambiare ritmo alla partita e di incidere.

Il Bologna però non è solo scudi e difesa per evitare il tracollo. È una squadra con un’immensa anima ed un carattere che rispecchiano perfettamente il suo comandante. Oltre a questo ha qualità nei singoli come Orsolini, Palacio, Barrow e Soriano che, in qualsiasi momento, possono sorprendere.

Questa sera la cosa più importante sarà giocare, poi la partita vada come vada. Se saremo spensierati metteremo pensieri alla Juventus.

Print Friendly, PDF & Email