FISCHIO D’INIZIO NAPOLI – Il Napoli a San Siro per riscattare la stagione

Condividi

Il Napoli sbarca a San Siro per la semifinale d’andata di Coppa Italia contro l’Inter. Partenopei e  nerazzurri arrivano all’importante gara con uno stato d’animo diametralmente opposto. I padroni di casa reduci dalla vittoria nel derby, grazie alla quale hanno riconquistato la testa della classifica, i partenopei sconfitti in casa dal Lecce e autori di una deludente prestazione.

Gattuso ha fatto ammenda e ha tenuto la squadra a rapporto per due ore, tempo nel quale ha provato ad individuare i problemi ancora irrisolti dello spogliatoio. La gara odierna, con fischio d’inizio alle ore 20.45 ed a questo punto della stagione, potrebbe rappresentare il bandolo dell’ingarbugliata matassa azzurra. Ci si aspetta, pertanto, una gara senza risparmio.

Le statistiche di Inter-Napoli in coppa

Inter e Napoli si sono affrontate in Coppa Italia in undici circostanze. Il bilancio è a vantaggio dei nerazzurri: si contano infatti cinque successi per i padroni di casa contro due per i partenopei, mentre in quattro occasioni le due squadre si sono divise la posta.

Le due compagini, nei precedenti di Coppa Italia, in una circostanza si sono affrontate in gare di andata e ritorno. Era l’anno 1997 e, nelle semifinali di quell’edizione, i partenopei dopo due pareggi si aggiudicarono l’ingresso in finale, passando ai calci di rigore. Un altro interessante dato statistico negli scontri diretti è dettato dall’Inter che, nel secondo trofeo nazionale, risulta imbattuta in casa contro il Napoli, con due successi ed un pareggio.

Ai padroni di casa manca la finale dalla stagione 2010/11, anno del famoso triplete, mentre gli azzurri sono stati eliminati nelle ultime due edizioni e si sono aggiudicati il trofeo in cinque occasioni, le ultime nel 2012 e nel 2015.

Il direttore di gara

A dirigere l’incontro è stato designato il Signor Calvarese di Teramo che sarà coadiuvato al VAR dalla coppia Mariani-Paganessi. Il fischietto teramano ha diretto il Napoli in dodici occasioni, gare nelle quali gli azzurri non hanno mai perso, collezionando quattro pareggi e otto vittorie.

Le scelte di Conte

La capolista di campionato arriva in buona salute, reduce da due vittorie consecutive. Il morale della squadra di Conte è alla stelle: la vittoria di un derby genera sempre energie positive. Conte, per questa gara, recupera Lautaro Martinez, fermato per due giornate in campionato dal giudice sportivo.

Il 3-5-2, modulo collaudato dal tecnico salentino, dovrebbe essere così composto. Tra i pali sarà ancora la volta di Padelli. Handanovic, infortunatosi al mignolo della mano sinistra, non riesce a recuperare. Il trio di difesa sarà composto con ogni probabilità da Skriniar, de Vrij, Bastoni. In mediana i nuovi acquisti dovrebbero essere della gara, per cui al fianco di Mose e Eriksen dovrebbero essere schierati Barella, Brozovic e Biraghi. In attacco dicevamo del ritorno di Lautaro Martinez: l’argentino potrebbe far coppia con Sanchez, mentre Lukaku potrebbe avere un turno di riposo.

L’undici di Gattuso

In casa Napoli, il passo indietro casalingo contro il Lecce ha turbato l’ambiente. Le tre convincenti prestazioni che avevano fruttato altrettante vittorie contro Lazio, Juventus e Sampdoria avevano lasciato ben sperare. I problemi sembravano essere stati messi alle spalle e invece la sconfitta contro i salentini ha mostrato ancora i difetti. La Champions già prima era una chimera e oggi probabilmente proprio la Coppa Italia potrebbe rappresentare il salvacondotto di una stagione scellerata.

Gattuso, per fortuna, ha la rosa quasi al completo ed è pronosticabile che, per perseguire l’obiettivo, si affidi ad una buona dose di titolari. Tra i pali sembrerebbe confermato Ospina che, più che per meriti, dovrebbe ripartire titolare per le non perfette condizioni di Meret.

La linea di difesa, considerando la squalifica di Hysaj, dovrebbe vedere Di Lorenzo nel suo ruolo naturale e Mario Rui sul fronte opposto. In posizione centrale la coppia Koulibaly-Maksimovic non ha convinto e con ogni probabilità il greco Manolas dovrà riprendersi il posto da titolare.

In mediana torna disponibile Fabian Ruiz. Anche Allan si candida ad una maglia dal primo minuto e potrebbe giocare al fianco di Demme, vertice basso.

In attacco potrebbe essere il turno di Mertens fin dal primo minuto, in coppia con Insigne, occupante l’out sinistra. A destra ballottaggio Callejon-Politano. Lo spagnolo, anche se in un periodo di calo, si è mostrato indispensabile al gioco azzurro. A contendergli la maglia proprio l’ex interista che potrebbe rappresentare la chiave di lettura, conoscendo bene gli avversari.

Il Napoli, purtroppo, non avrà tifosi al seguito ma, di certo, i ragazzi hanno da farsi perdonare lo scivolone casalingo  Per cui, senza calcoli e con molta convinzione, non per retorica dovranno affrontare la gara come se fosse una finale e magari mettere un piede proprio nella finale di maggio.