Genoa, Thiago Motta: “Sono molto tranquillo per il derby”

Condividi

Giornata di vigilia in casa Genoa. Domani sera ci sarà il derby della Lanterna. Il tecnico Thiago Motta ha presentato la gara in conferenza stampa. Ecco le sue parole riportate da TuttomercatoWeb:

Come ha vissuto lei la settimana?
“Benissimo. E’ la stessa cosa di sempre. Io vedo bene i miei ragazzi in allenamento, sono molto tranquillo per la partita di domani”.

Fuori Pandev e Agudelo. Ha provato qualche soluzione per il ruolo dietro la punta?
“Abbiamo provato le squadre che possono iniziare la partita. Sono convinto che chi inizierà giocherà alla grande. Sono motivati come deve essere e stanno bene a livello fisico e mentale. Sono tranquillo perchè hanno la consapevolezza che è una partita importante. Ovviamente trattandosi di un derby è uno stimolo in più”.

Ci saranno tanti tifosi che vi spingeranno.
“Benissimo. Chi vorrà il bene del Genoa domani spingerà i ragazzi”.

In che modo si carica il derby?
“I giocatori vengono preparati in campo per giocare una partita. Il derby si tratta di una partita diversa ma i ragazzi lavorano al 200%. Sappiamo cosa significa il derby. Ma attenti: è una partita di calcio e non dobbiamo andare oltre. E i ragazzi lo sanno cosa fare: difendere la maglia del Genoa uniti. Il calcio è questo. Il derby è bellissimo da giocare. Mi immagino che tanti giocatori che la guardano, o i tifosi, io stesso come anche voi i giornalisti, vorranno entrare in campo”.

Come procede il recupero di Sturaro?
“Sta molto bene. Dopo un infortunio così lungo ha dimostrato il leader naturale che è. Sono molto felice che sia con noi”.

Cosa devono mettere in campo i ragazzi domani?
“E’ una partita bellissima da giocare. Devono dare il massimo non solo in partita ma negli allenamenti. La strada è quella: giocare da squadra”.

Il Genoa non vince da tanto il derby.
“E’ uno stimolo in più. Noi siamo stati una squadra che ha vinto tante volte e in quell’occasione dall’altra parte c’era uno stimolo in più. Ogni partita è una storia diversa e noi abbiamo la possibilità di giocare una grande partita e vincere”.

Ritroverà Ranieri che ha detto, amichevolmente, di essere arrabbiato quando lasciò l’Inter.
“Capisco che in quel momento fosse arrabbiato. Ho avuto tanti mister in carriera ma Claudio è un grandissimo allenatore e affrontarlo da collega mi fa molto piacere. Ho solo belle parole per lui perchè ha dimostrato il valore con i risultati. Poi come uomo è rispettoso ed elegante”.

Lei ha un calcio spagnolo mentre Ranieri ha un metodo diverso.
“Per prima cosa il mio non è un calcio spagnolo ma un calcio dove si gioca da squadra. Poi il suo calcio ha dimostrato per tanti anni di essere vincente. Domani sera sarà interessante affrontarlo e sono contento perchè abbiamo grandi stimoli”.

Lo vorrebbe rigiocare il derby?
“Io sto bene dove sono adesso. Al mio tempo abbiamo fatto la nostra storia. Questi ragazzi hanno l’opportunità di creare la loro storia e fare il loro percorso. Stanno lavorando bene, ma tutti i giorni non solo per questa partita. Hanno rispettato le consegne che ho messo da quando sono arrivato”.

Il suo primo derby in panchina.
“Io lo affronto con serenità. I ragazzi danno il loro massimo non solo per loro stessi ma per la squadra”.

Derby della paura?
“Da queste parti non esiste la paura. Affronteremo il derby come una partita di calcio e come squadra si scende in campo per vincere. Spero di finire bene domani con una bella vittoria meritata. Non solo per noi in campo ma per chi viene a vedere la partita o chi la guarda in tv”.

La classifica rispecchia il valore delle due squadre genovesi?
“In estate non c’ero io. Poi in questo momento abbiamo disputato delle gare dove meritavamo di vincere. Non ci siamo riusciti ma ci siamo andati molto vicino”.

Come vedi la coabitazione Favilli-Pinamonti?
“Benissimo. I buoni giocatori possono sempre giocare insieme”.

Pajac ha recuperato? Lerager?
“Lerager non c’è. Zapata come Kouamé no. Gli altri poi stanno bene”.