Lazio – Juventus, le pagelle motivate

Calciomercato
Condividi
Tempo di lettura: 3 minuti

PAGELLE LAZIO – JUVENTUS

LAZIO:

Strakosha, voto 6,5: Impegnato soprattutto nel primo tempo, para il parabile con estrema sicurezza. Nulla può sul tap in ravvicinato di Cristiano Ronaldo.

Luiz Felipe, voto 6,5: Sarebbe da 7 abbondante per il gol e la prestazione. Il voto scende a causa dell’entrataccia col piede a martello sulla tibia di Matuidi (non sanzionata dall’arbitro).

Acerbi, voto 7: Nel primo tempo soffre un pò i movimenti di Dybala. Poi prende in mano la situazione e non concede più nulla.

Radu, voto 6,5: Partita senza sbavature del centrale rumeno. Bene soprattutto nei raddoppi sugli attaccanti avversari.

Lazzari, voto 6: Nel primo tempo si mantiene basso, forse fin troppo. Col passare dei minuti acquista fiducia e si fa vedere anche in avanti causando l’espulsione di Cuadrado.

Milinkovic Savic, voto 7,5: Segna un gran gol, stoppando in area e trafiggendo Szczesny con un preciso diagonale. In mezzo tanta sostanza e soprattutto tanta qualità. Dal 90′ Caicedo, voto 6,5: Pochi minuti per mettere a segno il gol che chiude i conti.

Lucas Leiva, voto 6,5: Tatticamente indispensabile per Inzaghi, gioca una partita di ordine ed equilibrio.

Luis Alberto, voto 7,5: Altri due assist fantastici per il tuttocampista spagnolo. Quello per l’incursione di Milinkovic Savic è da rivedere in loop. Dal 76′ Parolo, voto 6: Conferisce maggiore copertura alla retroguardia biancoceleste, così come richiesto da Inzaghi.

Lulic, voto 6,5: Gioca con la consueta grinta sulla sua fascia di competenza. Corre e lotta, difende e offende.

Immobile, voto 6: Sulla sua prestazione, per nulla male nel secondo tempo, pesa il rigore fallito che avrebbe chiuso il match anzitempo.  Dal 85′ Cataldi, senza voto.

Correa, voto 7: Svaria su tutto il fronte d’attacco mettendo in mostra la sua tecnica e la sua velocità. Szczesny lo atterra in area e gli nega la gioia del gol.

All. Inzaghi, voto 8: La sua Lazio vince giocando un gran calcio quasi esclusivamente verticale.

PAGELLE LAZIO – JUVENTUS

JUVENTUS:

Szczesny, voto 7: Ipnotizza Immobile dal dischetto ed è gigantesco nel parare anche sulla ribattuta dell’attaccante biancoceleste. Nulla può sui tre gol incassati.

Cuadrado voto 5: Gioca un discreto primo tempo. Poi si fa cacciare per un fallo da ultimo uomo su Lazzari.

Bonucci, voto 5: Fermo sulle gambe in occasione del gol del pareggio, sbaglia anche il fuorigioco quando Correa si invola verso la porta difesa da Szczesny.

De Ligt, voto 5,5: Lascia troppo spazio a Milinkovic Savic in occasione del 2-1. Questo fa decisamente precipitare il suo voto in una partita fin li giocata molto bene.

Alex Sandro, voto 5: Poco presente in fase di spinta, non eccelle nemmeno in quella difensiva.

Bentancur, voto 7: Finché è in campo gioca una grandissima partita fatta di recuperi e fraseggi rapidi. Offre a Ronaldo un assist facile facile da convertire in gol, poi si infortuna e la luce si spegne. Dal 40′ Emre Can, voto 4,5: Impreciso, nervoso e quasi sempre fuori posizione.

Pjanic, voto 5: Non una gran serata per il regista bosniaco. Mancano all’appello le giocate in verticale e gli interventi in recupero. Immancabile, invece, il cartellino giallo.

Matuidi, voto 6: Fa il suo recuperando tanti palloni nel primo tempo. Si spegne nella ripresa come tutta la Juventus.

Bernardeschi, voto 5: Non riesce mai a trovare la posizione in campo. Anche nel primo tempo, quando la Juve gioca bene, appare spaesato. Dal 71, Danilo, voto 5,5: Non incide di nulla sull’inerzia del match.

Dybala, voto 6: Anche per lui una partita a due facce: molto bene nel primo tempo in cui dialoga con Bentancur e Ronaldo, male nella ripresa. Fa arrabbiare Sarri quando non serve Ronaldo liberissimo a centro area preferendo il tiro in porta. Dal 79′ Higuain, senza voto.

Ronaldo, voto 6,5. Torna al gol su azione in campionato dopo 49 giorni. Mostra nel complesso una condizione in crescita che fa ben sperare per il proseguo della stagione.

All. Sarri, voto 5,5: A sprazzi la Juve gioca molto bene, ma come spesso le accade stenta a mantenere alto il livello del gioco per più di un tempo.