Atalanta, Arana si sfoga: “Non sono venuto qui per restare un anno in panchina”

Condividi

Il laterale dell’Atalanta, in prestito dal Siviglia, Guilherme Arana coglie l’occasione per palesare tutto il suo disappunto riguardo lo scarso minutaggio ad oggi nella squadra di Gasperini. Queste le dichiarazioni del calciatore ai microfoni di Estadio Deportivo e raccolte dal sito tuttomercatoweb.com:

“Mi sento davvero a disagio in questo momento. Sto bene fisicamente, so che potrei dare molto all’Atalanta e al calcio italiano, ma il mister e la società non mi danno le opportunità per mostrare il mio valore”

Come si spiega questo momento?
“Non so darmi una spiegazione reale, sono sincero. Capisco che i miei compagni di reparto stanno giocando molto bene, ma io mi aspettavo di avere molto più spazio. Non sono certo venuto qui per restare un anno intero in panchina”.

Perché in estate ha scelto l’Atalanta nonostante avesse tante offerte importanti sul tavolo?
“L’Atalanta gioca la Champions, è una squadra importante in Italia e io volevo continuare a essere protagonista nel calcio europeo, in un campionato competitivo e divertente come la Serie A. Tuttavia, adesso le mie priorità sono cambiate: voglio giocare e sono convinto che presto arriveranno grandi cose per me”.

Cosa intende fare per risolvere questa situazione?
“Parlerò coi miei agenti e valuterò le offerte che hanno sul tavolo per trovare la soluzione per il mio futuro nel mercato di riparazione. Ci penserò bene insieme alla mia famiglia, stavolta non posso sbagliare”.