FISCHIO D’INIZIO MILAN – Aspettando Parma

Condividi

Oggi, a Parma, si giocherà una sfida che per i rossoneri deve rappresentare un punto di svolta.

Da quando si è insediato sulla panchina del Milan, in sei match disputati, il povero Pioli ha incontrato rispettivamente: Roma, Lazio, Juventus e Napoli.

Adesso il calendario sembrerebbe più favorevole e sicuramente alla portata del club meneghino.

Il turno di campionato ci vuole contro il Parma, per uno scontro che storicamente ha regalato partite molto divertenti. In cinquanta sfide disputate con i ducali, infatti, il Milan ha visto la palla varcare la linea di porta ben ottanta volte.

Ancora, nelle nostre menti, riecheggia quel Parma-Milan della stagione 2014/15, conclusasi con il risultato rocambolesco di 4-5. In quell’occasione, Menez mise a segno un bellissimo goal di tacco, ricordo questo ancora vivo nei cuori dei rossoneri.

Meritevoli di menzione, tornando indietro, sono anche i goal di Nocerino, Seedorf e Ibrahimovic.

La sfida sarà particolarmente sentita per il nostro tecnico, nativo di Parma e calcisticamente cresciuto nella stessa città. A quei tempi, Pioli era uno dei difensori centrali di maggior prospettiva del nostro panorama calcistico.

Proprio la zona di campo che consacrò l’attuale allenatore è quella che oggi desta maggiori preoccupazioni. Il lungo stop che fermerà Duarte, infatti, consente a Pioli solo scelte obbligate per il reparto difensivo.

La speranza, è quella di poter rivedere in campo, in coppia con Romagnoli, Caldara che, se recuperato, potrebbe rappresentare il miglior acquisto di quest’anno.

Per il centrocampo avremo il ritorno di Bennacer, mentre in attacco vedremo se il nostro pistolero riuscirà finalmente a sbloccarsi.

Con queste premesse è ora di dimostrare che il Milan deve lottare per zone di classifica ben diverse da quelle che occupa.

Pur essendo importante il gioco, a questo punto diventa però necessario fare risultato. Solo chiudendo a bottino pieno questo giovane gruppo può accrescere fiducia e stima di sé.

Attendendo il fischio d’inizio, oggi più che mai… buon Milan a tutti.